Corsa a smentire Berlusconi. Ora tocca a Maroni

di 05.02.2013 9:46 CET
Maroni, no al condono di Berlusconi
Maroni, no al condono di Berlusconi IBTimes

Gli alleati di Berlusconi si affrettano a smentire le ultime uscite in materia fiscale del Cavaliere. Se ieri Tremonti aveva giudicato negativamente la restituzione dell'Imu, oggi Roberto Maroni esprime la posizione della Lega Nord sull'ennesimo condono paventato dall'ex premier.

"Preferisco seguire un'altra strada - ha dichiarato a Radio Anch'io - quella che c'è nel nostro programma: combattere l'evasione con il 'contrasto di interessi', cioè la possibilità di portare in deduzione e detrazione qualsiasi ricevuta per prestazioni rese in modo da consentire a chi spende di farlo e di costringere chi presta servizi a emettere regolare fattura. Non mi piacciono i condoni, non mi piacciono questi colpi di spugna. Su questo punto non esprimo un consenso e non è previsto nel programma".

Peccato che la Lega Nord governasse con Berlusconi ogni volta che il centrodestra ha approvato condoni edilizi e scudi fiscali per il rimpatrio di capitali dall'estero.

Sull'Imu è intervenuto anche Pierferdinando Casini, leader dell'Udc e sostenitore della prima ora di Mario Monti: "Ci sono i sondaggi che sono una cosa virtuale poi lo spread e le Borse che sono reali e segnalano timori diffusi per l'irresponsabilità con la quale si mette in gioco il rigore di bilancio e gli impegni per il pareggio nel 2013 assunto anche da Berlusconi. Rischiamo di mandare a picco i sacrifici fatti dagli italiani"

Commenti