DIRETTA Rugby 6 Nazioni 2017, Scozia - Italia: dove vederla in tv e in streaming. Formazioni ufficiali, orario e quote [VIDEO]

L'Italia del Rugby impegnata nel 6 Nazioni 2017
L'Italia del Rugby impegnata nel 6 Nazioni 2017 Reuters / Alessandro Bianchi

Rugby, 6 Nazioni 2017 | Sabato 18 marzo, ore 13.30 | Murrayfield Stadium, Edimburgo

CLICCA QUI PER VEDERE LA DIRETTA STREAMING GRATUITA DI SCOZIA - ITALIA
(dalle ore 13:30 live su Dplay)

CLICCA QUI PER IL LIVE SCORE DI SCOZIA - ITALIA

SEGUI IL LIVE TWITTER DELLA PARTITA:

Sabato 18 marzo alle ore 13.30 (italiane, le 15 locali) gli Azzurri del Rugby scenderanno in campo nella cornice del Murrayfield Stadium di Edimburgo contro la Scozia. Match valido per la 5a ed ultima giornata del 6 Nazioni 2017. La nazionale guidata dal c.t. Conor O’Shea dopo la sconfitta casalinga contro la Francia si è già assicurata il poco gratificante "cucchiaio di legno" (assegnato alla squadra che chiude ultima in classifica) ed ora contro gli scozzesi proverà ad andare a caccia del primo successo in questa edizione del torneo, sia per cercare di evitare il Whitewash (ovvero chiudere senza vittorie), sia per dare un segnale a tutto l'ambiente. Per dimostrare che nonostante un Sei Nazioni altalenante il gruppo c'è e lavora per costruire qualcosa di buono in vista degli impegni futuri. Di fronte l'Italia si troverà una formazione che è ancora in corsa per raggiungere il secondo posto e che vorrà rifarsi dopo la pesante sconfitta subita nel turno precedente contro l'Inghilterra (21-61), senza poi dimenticare la voglia degli scozzesi di regalare un successo al ct Vern Cotter, che al termine di questa partita saluterà tutti e lascerà il posto a Gregor Townsend. L'impresa di espugnare il campo della Scozia è già riuscito in passato per ben 2 volte agli Azzurri, che a Murrayfield si sono imposti nel 2007 e nel 2015 (che coincide anche con ultimo successo nel 6 Nazioni). Questa volta però la situazione è completamente differente, come dimostrano anche le 11 sconfitte consecutive dell'Italia, la peggior striscia dopo quella di 14 realizzata tra il 2001 e il 2003. Gli avversari invece da allora sembrano aver cambiato marcia.

 

PARISSE Le dichiarazioni del capitano azzurro riportate dal sito ufficiale della Federazione italiana Rugby: “Nel 2015 affrontavamo questa partita in condizioni differenti, avevamo molti infortunati e vincemmo con due esordienti in campo dal primo minuto, contro ogni pronostico. E’ un bel ricordo, una grande soddisfazione, ma domani affronteremo una Scozia che arriva sì da una sconfitta pesante, ma che ha disputato un grande 6 Nazioni, facendo vedere un bellissimo rugby. Speriamo di far bene, di evitare quei momenti morbidi che ci sono costati le sconfitte di queste settimane. L’efficacia sui punti d’incontro da parte di noi avanti sarà decisiva per evitare di mettere la Scozia sul piede avanzante. Palla in mano, nel gioco aperto, i trequarti scozzesi sono davvero pericolosi, noi dovremo essere aggressivi, più fisici che mai, non metterli in condizione di innescare la loro linea arretrata. La sconfitta contro la Francia non è stata facile da digerire: ognuno deve esprimersi al meglio per ottanta minuti, non basta farlo per quaranta e nemmeno per settanta. Tutti noi ci alleniamo al meglio in Nazionale, ma dobbiamo avere la stessa mentalità, la voglia di essere al top della forma anche quando giochiamo nei nostri Club. E’ qualcosa su cui lavorare, anche dal punto di vista mentale. E’ vero che loro vengono da una brutta sconfitta con gli inglesi, ma domani giocano in casa, puntano a vincere la terza partita in questo torneo, a salutare nel migliore dei modi il loro allenatore. E noi siamo l’Italia, non l’Inghilterra. Ma se eviteremo di cedere ai momenti deboli e rimarremo a contatto nel punteggio con la Scozia sino alla fine ed avremo le nostre chance. In tutte le partite che abbiamo giocato abbiamo fatto vedere belle cose sia in attacco che in difesa, sia con gli avanti che con i trequarti. Ma per reggere ottanta minuti, dobbiamo mettere tutti i nostri giocatori nelle condizioni di avere la giusta attitudine e questo non può che avvenire creando alla Benetton Treviso ed alle Zebre un ambiente più vincente. La Scozia, in questo senso, è un esempio: erano il fanalino di coda del PRO12 ed oggi hanno due squadre ai quarti della Champions Cup”.

Il VIDEO con la nostra intervista a Lorenzo CITTADINI:

SCOZIA Le dichiarazioni del ct Vern Cotter, alla sua ultima partita alla guida della nazionale scozzese, riportate dal sito ufficiale della Federazione italiana Rugby: “Le partite tra Scozia e Italia sono sempre stati dei match difficili. Abbiamo tanto rispetto per loro: hanno migliorato la rosa e sono diventati più competitivi. Hanno dimostrato un grande spirito innovativo che mette in difficoltà l'avversario. Dobbiamo farci trovare pronti in ogni momento del match”.

QUOTE
Esito finale (Bwin)
1: 1.02, X: 41.00, 2: 10.00

PRONOSTICO Per i vari bookmakers la Scozia è nettamente la favorita. Non possiamo che concordare anche noi. Considerando il fatto di giocare fuori casa e soprattutto dopo quelle che sono state finora le prestazioni delle rispettive nazionali in questo 6 nazioni 2017 è veramente molto difficile ipotizzare un successo dell'Italia. Pronostico IBTimes: 1

DOVE VEDERLA Sarà possibile seguire la diretta testuale con aggiornamenti in tempo reale tramite il box con il live twitter presente all'inizio di questa pagina. In TV invece la partita tra Scozia e Italia, valida per la 5a ed ultima giornata del 6 Nazioni 2017 verrà trasmessa in chiaro da Dmax, canale 52 del digitale terrestre (e 136 della piattaforma satellitare di Sky Sport). Ci sarà inoltre la possibilità di vedere la partita tra Scozia e Italia anche in streaming gratuito online sulla piattaforma DPlay (basta cliccare sul link presente all'inizio della pagina).

FORMAZIONI UFFICIALI
Scozia: 15 Hogg; 14 Seymour, 13 Jones, 12 Dunbar, 11 Visser; 10 Russell, 9 Price; 8 Wilson, 7 Watson, 6 Barclay (cap); 5 Jonny Gray, 4 Richie Gray; 3 Fagerson, 2 Ford, 1 Reid.
A disposizione: 16 Brown, 17 Dell, 18 Berghan, 19 Swinson, 20 Du Preez, 21 Pyrgos, 22 Weir, 23 Scott.

Allenatore: Vern Cotter

Italia: 15 Padovani; 14 Esposito, 13 Benvenuti, 12 McLean, 11 Venditti; 10 Canna, 9 Gori; 8 Parisse (cap.), 7 Mbandà, 6 Steyn; 5 Biagi, 4 Fuser; 3 Cittadini, 2 Gega, 1 Lovotti.
A disposizione: 16 Ghiraldini, 17 Panico, 18 Chistolini, 19 Van Schalkwyk, 20 Ruzza, 21 Minto, 22 Violi, 23 Sperandio.

Allenatore: Conor O’Shea

Arbitro: Pascal Gauzère (Francia)