Don Ciotti: "I politici non si nascondano dietro a Dio"

  | 22.01.2013 9:59 CET
Vaticano
Vaticano

"Credo che nessuno debba nascondersi dietro Dio. C'è bisogno di coerenza. Il Vangelo raccomanda di parlare chiaro a chi si professa cattolico. Chi si impegna veramente per i diritti e per la giustizia può dire di stare dalla parte di Dio. Altrimenti si fanno solo parole".

Don Luigi Ciotti, fondatore di Libera, dice la sua "sull'utilizzo di Dio" dei politici che si professano cattolici (e chiedono il voto all'elettorato di riferimento), intervistato su Radio Due durante la trasmissione Un giorno da pecora

Unioni civili, matrimoni gay e sacerdozio per gli omosessuali: "Nel nostro Paese ci sono situazioni in cui non vengono rispettati certi diritti. Il matrimonio lasciamolo stare, ma si ai diritti civili. Mi pare che dobbiamo essere d'accordo tutti. Un vescovo, secondo me, può benissimo essere gay, l'importante è vivere la propria dimensione in modo trasparente e pulito. In questo, non c'è differenza tra gay ed eterosessuali. Ci sono tanti eterosessuali che possono essere 'sporcaccioni'".

Commenti