Donnarumma, Verratti e Cristiano Ronaldo: ecco le 3 telenovele dell'estate

di @dariodangelo91 19.06.2017 10:13 CEST
Cristiano Ronaldo
Cristiano Ronaldo, 32 anni, decisivo anche ieri nella finale di Champions Reuters

Non c’è calciomercato che si rispetti senza la sua telenovela. Un acquisto a lungo inseguito, la voce non confermata che agita i tifosi, la ricerca di un “mister X” che faccia svoltare la squadra dei tuoi sogni. Ma cosa succede se, quando siamo solo alla metà di giugno, le telenovele, i casi di mercato sono già tre? La risposta è semplice: ci attende una delle sessioni di calciomercato più entusiasmanti degli ultimi anni.

DONNARUMMA

Non possiamo non partire da casa nostra. In Italia a tenere banco è la vicenda del 18enne portiere del Milan. Il mancato rinnovo con la squadra che lo ha lanciato nel calcio dei grandi ha fatto storcere il naso a tanti. I tifosi rossoneri, che prima per lui provavano un amore incondizionato, adesso sono disillusi e arrabbiati. Neanche le ultime dichiarazioni rilasciate da Mino Raiola sembrano farli vacillare: Gigio è ai loro occhi il traditore da punire e allontanare, a meno che….A meno che Fassone, che ha già avuto mandato dalla proprietà cinese di non cedere Gigio nonostante vada in scadenza il prossimo anno, non riesca nel miracolo di ricucire una situazione che al momento pare quasi impossibile da recuperare. Nel caso in cui non vi riuscisse, però, attenzione: le opzioni sul tavolo sono due. O davvero il Milan forzerà la mano relegando Donnarumma in tribuna, oppure cederà alla tentazione di accettare una delle offerte - di certo inferiori al valore reale del portiere - che inizieranno ad arrivare nelle prossime settimane. Su tutte si attende quella del Real Madrid e se è vero che per i cinesi tenere Donnarumma è ormai una questione di principio, lo è altrettanto che il rischio di veder approdare Gigio a zero alla Juventus il prossimo anno è un rischio troppo concreto perché venga corso fino in fondo.

VERRATTI

Il secondo caso di mercato più importante di queste settimane riguarda un altro italiano: Marco Verratti. Dopo 5 anni al Paris St. Germain, il centrocampista della Nazionale si è reso conto che a Parigi è cresciuto e migliorato, ma difficilmente riuscirà ad ottenere quei successi internazionali a cui ambisce. Per questo motivo, forte dell’interessamento del Barcellona, che cerca nuovi piedi buoni da inserire in mezzo al campo, Verratti ha alzato il telefono e avvisato la dirigenza parigina: “Lasciatemi andare, voglio il Barca”. La reazione del presidente Al-Khelaifi è stata quella di chi è abituato a risolvere tutto con i soldi: Marco stia tranquillo, avrà l’adeguamento di contratto che cerca. Un attestato di stima, certo. Un modo per ringraziare il giocatore della rosa che lo scorso anno ha venduto più magliette. Ma di sicuro una lettura sbagliata della situazione. L’intenzione di Verratti non è quella di giocare al rialzo, semplicemente di lasciarsi alle spalle Parigi, possibilmente senza andare allo scontro, abbracciando un’avventura blaugrana che lo intriga tantissimo. Se si andrà al braccio di ferro, se Al-Khelaifi deciderà di tenere in gabbia Verratti fino ad un contratto in scadenza nel 2021, lo scopriremo soltanto col passare delle settimane.

CRISTIANO RONALDO

Basta il nome, Cristiano Ronaldo, a destare stupore. Il fatto che l’attaccante sia oggetto di trattative di mercato non può non solleticare la curiosità dell’appassionato. Chi prenderà la figurina più preziosa dell’album? Un esemplare unico, giunto probabilmente all’ultimo grande trasferimento prima del buen retiro, che sia in America, Cina o Emirati Arabi. Ma come si è giunti a questo punto? Tutto è nato dall’accusa di frode fiscale nei confronti di CR7, che secondo l’Agenzia delle Entrate spagnola avrebbe evaso le tasse per 14,7 milioni di euro. Un’accusa che non è andata giù al portoghese, che adesso rischia di pagare una multa di 28 milioni di euro e fino a 7 anni di carcere.

Ma cosa c’entra questo con il mercato? C’entra, e anche tanto. Perché pare che Florentino Perez, informato il giorno prima che la notizia uscisse sulla stampa, abbia chiesto ai suoi amici giornalisti di non mettere in prima pagina foto del Pallone d’Oro con la maglia del Real Madrid. Un modo per dissociarsi dall’immagine di evasore fiscale che ne sarebbe derivata. Un affronto non perdonato da Ronaldo, ferito nell’orgoglio e deciso a lasciare la Casa Blanca nonostante l’ultimo tentativo di mediazione di Zinedine Zidane, che lo ha telefonato personalmente per convincerlo a restare. Ecco spiegato il caso più clamoroso del mercato: dove andrà Ronaldo? Il PSG è pronto ad offrirgli di tutto pur di convincerlo, il Bayern Monaco può giocarsi la carta Ancelotti, ma il sogno non troppo nascosto di Ronaldo è quello di riabbracciare il Manchester United, dove lo aspetta il connazionale Mourinho.  

Tra Donnarumma, Verratti e Cristiano Ronaldo c’è abbastanza materiale per non annoiarsi. Altro che Il Segreto, cosa c’è di meglio di una (anzi, 3!)  telenovela di mercato per l'estate?