Dove andare se vuoi fare una vacanza da film

di @LucaMarra 20.05.2015 17:44 CEST
Mulholland_Drive
L'insegna della strada di Mulholland Drive a Los Angeles in California. La via losangelina divenuta celebre dal cult di David Lynch. "2004-04-02 - 31 - Mulholland Drive" di Dudesleeper di Wikipedia in inglese. Con licenza CC BY 2.5 tramite Wikimedia Commons

Dove andare per una vacanza da "film" non è una battuta iperbolica, ma si riferisce proprio all'andare in vacanza scegliendo le mete, i luoghi dei film. Un trend esistente nelle decisioni dei turisti e di recente Opodo, agenzia di viaggi online, ha pubblicato Cities in 8 mm una guida per visitare  le città più cinematografiche del mondo. Da Roma a Los Angeles passando per Mumbai, Parigi, New York.

LOS ANGELES CITTA' DEGLI ANGELI E DEL CINEMA - Certi luoghi rendono celebri i film fin dal titolo: Vacanze romane, Innamorarsi a Parigi, Roma di Fellini, Manhattan di Allen ma altri luoghi di partenza anonimi diventano celebri grazie al film stesso: è il caso  di Winki's Dinner cafè set di uno dei film cult più enigmatici della Storia: Mulholland Drive di David Lynch, Palma d'oro a Cannes, che prende il nome proprio da un strada losangelina dove avviene l'incidente che fa perdere la memoria alla protagonista. C'è anche la 1st Street Bridge nelle guida di Opodo, strada percorsa da molte auto del cinema compresa quella scattante di Ryan Gosling in Drive lungometraggio che ha imposto nel cinema l'occhio fine del regista Nicolas Wending Refn.

ROMA E LE GRANDI BELLEZZE - Roma poi è un set infinito per tempo e spazi: dal recente e premiato La grande bellezza (tutti i luoghi del set) che domani 21 maggio sarà in replica su Canale 5, e poi La dolce vita tutt'uno nella memoria con la Fontana di Trevi. Nella guida però rispetto a questi luoghi tradizionali c'è anche la Trastevere del capolavoro Ladri di Bicicletti e quella più "glam" di Mangia, prega e ama con Julia Roberts film sicuramente non indimenticabile come gli altri già citati. Guardando al futuro è possibile già visitare i luoghi romani del prossimo 007, video a fine paragrafo, tra questi anche Trastevere. E chissà se c'è chi verrà apposta per visitare il tratto di Via Nomentana percorso dalle "bond car" .

NON SOLO AMELIE - Parigi è anch'essa un cosiddetto "set a cielo aperto" ma la guida scopre due chicche per cinefili. Fatto salvo l'ormai celebre Cafè des 2 moulines de Il favoloso mondo di Amelie, interessanti per cinefili incalliti, meno per i turisti cinefili tiepidi, il Cafè Debussy dove Ariadne viene avvicinata alle tecniche di sogno lucido da Di Caprio in Inception e il Bistrot La Reinassance di Bastardi Senza Gloria, luogo dove avviene il colloquio tra la vendicatrice Shosanna e il nazista intepretato da Daniel Bruhl. Un occhio doveroso anche a Mumbai, in India, nazione che produce una sterminata quantità di film nell'industria giornalisticamente nominata come "Bollywood". Cities in 8 mm propone diversi luoghi dai film bollywoodiani e poi la stazione Chatraraprati Shivaji quello del finale di The Millionaire di Danny Boyle vincitore di 8 statuette agli Oscar nel 2009. Non può mancare ovviamente negli itinerari cinematografici New York, città principe dell'immaginario cinematografico occidentale.

METE EMERGENTI - Il cinema dunque non sembra essere solo l'arte di far viaggiare mentre si è seduti in poltrona, ma sembra anche essere un'attività che spinge a muoversi davvero verso l'esotico. Indicazioni arrivano anche da una recente ricerca uscita nel 2015 condotto da sito Kayak.it (motore di ricerca viaggi online)  per capire quanto le pellicole  di successo incidano sulle scelte dei viaggiatori. Il riferimento temporale sono le 2 settimane precedenti e le 2 successive all’uscita di una pellicola. Sorpresa netta: in pole position nessuna meta classica delle città cinematografiche, ma in quel periodo ad essere il film più "influente" è stato I sogni segreti di Walter Mitty (recensione) uscito lo scorso Natale e incentrato sul viaggio di Mitty  verso l'Islanda, ripresa nel film di Ben Stiller (anche attore protagonista) con una grande attenzione. Difficile effettivamente non innamorarsene. Il sito in quel periodo ha riscontrato un aumento del 47% dei voli per l'isola dell'Atlantico. Quanto tutto ciò sia legato al film difficile capirlo con esattezza resta il fatto che l'aumento c'è stato. Altra meta scelta "grazie" al cinema è Forks, cittadina statunitense nello stato di Washington. È la residenza cinematografica di Bella Swan, la protagonista della saga milionaria e vampiresca Twilight. Calo di prenotazioni nel periodo di riferimento per la magnifica Nuova Zelanda esaltata da Peter Jackson e il compianto Andrew Lesnie morto poche settimane fa, rispettivamente regista e direttore della fotografia della trilogia di Lo Hobbit e Il signore degli Anelli. Insomma quando si dice che il cinema fa viaggiare pare sia proprio vero.

 

LEGGI ANCHE

La grande bellezza: ecco i luoghi del film dal Gianicolo al Colosseo

I sogni segreti di Walter Mitty – Video Recensione
 
La grande bellezza: recensione