Ecco chi finanzia Monti in campagna elettorale

  | 17.01.2013 16:00 CET
Mario Monti
Il presidente del Consiglio, Mario Monti.

Fare politica costa, e Mario Monti non ha certo sufficienti beni al sole per permettersi di mettere in moto una macchina efficiente che lo porti senza indugi nella sua "salita" verso palazzo Chigi. Ufficio stampa, manifesti, convegni e tutto ciò che è indispensabile per fare una campagna elettorale.

Fin dall'inizio l'appoggio di Italia Futura, dunque di Montezemolo, gli ha comunque garantito un budget non indiferrente per la sua attività politica. Ma tra la lista del sostenitori del premier tecnico -non solo a livello morale, si intende- figurano nomi più e meno noti.

Affariitaliani ne offre un elenco dettagliato: Benito Benedini, ex presidente di Assolombarda, l'imprenditore Paolo Fassa, Fambrizio Di Amato, ai vertici di Tecnimont, costola della fu Montedison che opera nelle costruzioni. C'è poi Sergio Dompè, industria farmaceutica e Alberto Galassi, amministratore delegato di Piaggio Aero, azienda che produce velivoli privati. Della partita è anche Claudio de Eccher, della Rizzani de Eccher, società che si occupa di grandi opere. Ma anche l'imprenditore del dolciario Flavio Repetto, del gruppo Elah Dufour. 

Il Corriere della Sera parla anche di Carlo D'Asaro Biondo, numero uno di Google nel sud Europa e la famiglia Agnelli.

 

LEGGI ANCHE:

De Giorgi, il candidato di Monti che ha 4 siti porno 

Commenti