Elisabetta Ballarin, ex 'Bestia di Satana', vince una borsa di studio

  | 29.01.2013 12:17 CET
Carcere
Le sbarre di una cella di un carcere in una foto di archivio

È polemica sull'assegnazione di una borsa di studio del valore di 6.000 euro ad Elisabetta Ballarin.

La giovane ventenne è stata condannata a 22 anni di reclusione perché ha fatto parte de "Le Bestie di Satana", la setta satanica di Varese a cui è stato imputato l'omicidio di Mariangela Pezzotta, Chiara Marino, Fabio Tollis con relativo occultamento di cadavere e l'induzione al suicidio di altri ragazzi, tra cui Andrea Bontade e di altre persone che avevano rapporti con l'organizzazione. 

In questi anni di carcere, (deve scontarne ancora nove) la Ballarin ha potuto portare avanti i suoi studi universitari frequentando lezioni e sostenendo esami, tanto che lo scorso settembre ha conseguito la laurea all'Accademia di Santa Giulia di Brescia, addirittura con il massimo dei voti e ora sta frequentanto il biennio di specializzazione.

Ma ciò che fa più discutere è il fatto che la detenuta del carcere di Verziano abbia ricevuto una borsa di studio bandita dal comune di Brescia nell'ambito del Progetto Brescia città universitaria. Il concorso è stato vinto da lei e da altre due compagne di corso per merito di un progetto che hanno presentato insieme, che si pone l'obiettivo di avvicinare gli studenti universitari ai musei.

Fonte: Tgcom

Commenti