Energia solare, Italia prima al mondo: produciamo 8% del fabbisogno, ma cresciamo poco

energia solare fotovoltaico
Un impianto per la produzione di energia solare REUTERS/Jean-Paul Pelissier

Tra i tanti primati negativi che caratterizzano l'Italia emergono dei dati positivi e, a volte, piuttosto sorprendenti: è il caso del rapporto "Istantanea dei mercati globali del fotovoltaico" (Snapshot of Global PV Markets) della International Energy Agency (IEA) che pone il nostro Paese al primo posto al mondo per produzione di energia fotovoltaica rispetto al fabbisogno nazionale.

Tra le 26 nazioni prese in considerazione nessuna riesce infatti ad eguagliare il risultato dell'Italia, che deve al Sole la copertura dell'8% del proprio fabbisogno energetico nel 2015; al secondo posto si trova un altrettanto sorprendente Grecia con il 7,4%, mentre la terza piazza è della Germania con il 7,1%. Confrontare i diversi Paesi in termini percentuali sul fabbisogno e non sulla produzione energetica assoluta è una scelta obbligata dalla necessità di mettere a confronto i diversi casi.

LEGGI ANCHE: Energia, acqua pulita e connettività grazie al Sole: il "miracolo" hi-tech di Watly

Ad ogni modo, bisogna considerare che la domanda energetica non è certo un dato fisso in tutto il mondo: esistono infatti fluttuazioni notevoli che forniscono un'ulteriore chiave di lettura di questi dati. Ad esempio, la Germania ha una produzione di energia fotovoltaica per abitante nettamente più alta rispetto all'Italia (491 contro 308): dal momento che la percentuale tedesca di copertura del fabbisogno energetico derivante dal solare è più bassa della nostra questo significa evidentemente che il fabbisogno per abitante è più alto.

fotovoltaico solare I dati del rapporto Snapshot of Global PV Markets dell'International Energy Agency (IEA): in base ai dati del 2015, l'Italia risulta essere al primo posto per percentuale di energia prodotta grazie al fotovoltaico sul fabbisogno complessivo di energia  (c) Snapshot of Global PV Markets - IEA PVPS

A livello globale, l'IEA stima la produzione mondiale di energia da impianti fotovoltaici a circa 227,1 GW, circa un quinto dei quali (43,6 GW) è di pertinenza della Cina. Seguono Germania (39,7 GW), Giappone (34,4 GW), USA (25,6 GW) e Italia (18,9 GW). Tutti gli altri stati si trovano al di sotto della soglia dei 10 GW.

LEGGI ANCHE: Celle solari che producono energia dalla pioggia grazie al grafene

Parlando di nuove installazioni nel 2015, anche in questo caso la Cina guida la classifica mondiale con 15,3 "nuovi" GW, pari a poco meno di un terzo dei circa 48 GW di nuovi impianti. A conferma di come l'Asia sia al momento il mercato principale nel fotovoltaico il Giappone ha raggiunto il secondo posto, con 11 GW in più nell'anno appena trascorso. Più stagnante il mercato europeo, nel quale la nazione più attiva è stata il Regno Unito con 3,5 GW in più. Molto deludente quanto fatto dall'Italia, che nel 2015 ha aggiunto appena 300 MW agli impianti già esistenti.