Equitalia condannata: chiedeva soldi oltre i termini fissati per legge

  | 08.01.2013 17:54 CET
Presidio davanti alla sede di Equitalia
Sede di Equitalia (foto di repertorio).

La legge è uguale per tutti: anche per Equitalia. Lo ricorda un giudice di Salerno che di fronte alla pretesa di Equitalia di riscuotere i soldi oltre i termini fissati per legge, ha condannato l'agenzia  "per aver posto in essere una azione esecutiva senza titolo valido anche alla luce dello Statuto del Contribuente, che espressamente prevede che i rapporti tra contribuente e amministrazione finanziaria siano improntati al principio della collaborazione e della buona fede".

Il pagamento infatti non è stato effettuato non per negligenza del debitore ma per la richiesta tardiva da parte di Equitalia. L'avvocato del debitore in questione ha spegato a 'Libero':"Mi sono posto la domanda: se la Corte Costituzionale ha definito come illegittimo e in mala fede - perché contrario al principio di correttezza - il comportamento di un (normale) creditore quando non avendo titolo aggredisce il creditore, perché tale principio non dovrebbe applicarsi anche a Equitalia? Equitalia non solo deve ritenersi equiparata a qualsiasi creditore, ma soprattutto che in virtù di tale status ad essa  si applica l'art 10 dello statuto del contribuente  (legge 27.7.2000 n 212) il quale espressamente prevede che i rapporti tra contribuente e amministrazione finanziaria sono improntati alla buona fede". 

 

LEGGI ANCHE:

IMU, tutte le proposte dei candidati premier 

Imu bocciata dall'Ue: "deve essere progressiva" 

Commenti