Ferrara e le stragi di bambini “con cui abbiamo ratificato l'aborto di massa”

di 17.12.2012 18:00 CET
Giuliano Ferrara
Il direttore de Il Foglio si scaglia contro il Movimento Cinque Stelle: "Ha ragione Berlusconi, il M5S è Scientology" http://www.flickr.com/photos/c

Giuliano Ferrara, in un articolo comparso sull'edizione online del Il Foglio ritorna su quello che lui definisce "lo scandalo supremo della nostra epoca", l'aborto."Io per esempio credo che le stragi dei bambini nella società ricca e pacificata siano diretta conseguenza della sordità morale con cui abbiamo ratificato l'aborto di massa  - afferma Ferrara - , la facoltà di scegliere tra la vita e la morte è la compagna segreta della violenza dei tempi, e dell'insicurezza, riguardo l'essere e il principio di realtà che ne deriva; e ritengo anche utile l'idea di armare i maestri o volontari scuola per scuola, altro che ridurre a sudditi incapacitati a portare armi i cittadini americani governati dalla costituzione liberale più longeva e più forte del mondo, che prevede quel diritto in forma tassativa".

È noto ormai il pensiero del giornalista, nonché conduttore televisivo e politico, che nel 2007 propose una campagna per una moratoria sull'aborto ritenendolo un vero e proprio omicidio tanto a indurlo nel 2008 a formare il partito dell' 'Associazione difesa della vita. Aborto?No grazie' presentandosi alle elezioni al fianco del Pdl con un risultato a dir poco deludente raccogliendo soltanto 135.578 voti.

"Oso scrivere queste cose - prosegue il direttore de Il Foglio - , perché mi inoltro nella vecchiaia e dell'approvazione sociale non so che farci, ma sono consapevole che è tecnicamente un errore pensare e dire quel che si può arrivare a ipotizzare in certi casi estremi, è la chiusura del discorso in un giro necessariamente ristretto di persone che sono in grado di mettere in causa tutto, proprio tutto, senza cinismo, non in modo sconsiderato, non senza amore, ma evitando ogni affettazione di buona coscienza, questo sì".

Leggi anche:

Scandalo al Pirellone. La Minetti e le cene di lusso con i soldi dello Stato

Pd, Renzi e il "ritorno dei soliti noti"

Sequestrato l'erede del gruppo Calevo

Commenti