Fiat Chrysler e "dieselgate": Marchionne prova a tranquillizzare tutti, ma la realtà è ben diversa

Marchionne al Salone dell'Auto di Ginevra 2017
Marchionne al Salone dell'Auto di Ginevra 2017 REUTERS/Rebecca Cook

Fiat Chrysler è alle prese con una causa civile in America. La divisione Ambiente e Risorse Naturali del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ-ENRD) ha avviato una causa civile contro Fiat Chrysler accusando l'azienda italo-americana di utilizzare sui veicoli con motore diesel un software per bypassare il controllo delle emissioni, QUI il testo della causa.

Marchionne però ha precisato che questo "piccolo" problema, che Fiat Chrysler dovrà prima o poi risolvere, non avrà un impatto sugli obiettivi di business; nello specifico l'A.D. ha precisato che gli obiettivi previsti per il secondo trimestre saranno in linea con le attese, confermando i target per il 2017.

LEGGI ANCHE: L'America sgambetta Marchionne

Dodge RAM 1500 Dodge RAM 1500  REUTERS/Rebecca Cook

L'A.D. Fiat Chrysler ha rilasciato queste dichiarazioni a margine di un incontro congiunto Stati Uniti-Italia avvenuto a Venezia; il CEO FCA ha detto di essere piuttosto sicuro che le autorità americane accetteranno le modifiche software proposte dalla casa italo-americana già diversi mesi fa.

Jeep Renegade Limited Jeep Renegade Limited  IBTimes

Un avvocato del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti questa settimana ha però precisato che potrebbero essere necessari settimane o mesi prima che le autorità di regolamentazione approvino il fix proposto da FCA.

LEGGI ANCHE: Fiat Chrysler: Marchionne "aggiusta" i diesel incriminati

Marchionne però non deve adagiarsi perché la vicenda del dieselgate deve essere al più presto risolta ed archiviata. Non dobbiamo dimenticare che, secondo l’università del West Virginia, le emissioni inquinanti delle auto Jeep e Ram sono 20 volte superiori a quelle dichiarate e del tutto simili a quelle delle Volkswagen.

Per Marchionne, in uscita dall'azienda nel 2019, il lavoro da fare è ancora moltissimo. Se da un lato Fiat Chrysler sta puntando forte su SUV e pick-up, ed i risultati, soprattutto in America, la stanno premiando, dall'altro lato deve progettare il futuro dell'azienda che sembra totalmente esclusa da quelli che ormai sono diventati i nuovi pilastri dell'automotive 2.0: auto elettrica e guida autonoma.