Film al cinema che dovresti vedere (e perché) a Maggio 2017

Guida ai film al cinema di Maggio [In aggiornamento]
di @LucaMarra 20.05.2017 1:34 CEST
Scappa Get Out
Daniel Kaluuya l'attore britannico protagonista di Scappa Get Out Universal Pictures

Film al Cinema: cosa c’è di interessante? Mentre la stagione cinematografica è quasi chiusa ma Cannes è nel vivo, nelle sale le uscite aumentano copiose, piene anche di film indipendenti e meno blasonati che possono però tirar fuori la sopresa inaspettata. Ecco allora una serie di consigli sui Film al Cinema a maggio 2017: quelli in uscita da poco e quelli già in sala da qualche settimana, pellicole che se volete andare al cinema, magari nel week end, dovreste vedere.
[ In aggiornamento]

Guardiani della Galassia 2: se vi piacciono i cinefumetti, l’azione colorata e frenetica questo film fa per voi. Se non vi piacciono potreste dargli comunque una chance, Guardiani della Galassia anche col sequel si impone come uno dei migliori film della Marvel. Non ha la spocchia troppo nerd e ha molti momenti divertenti e commoventi, anzi se non si fa attenzione, sul finale, potrebbe uscire la lacrima. Si balla: la colonna sonora “l’awesome Mix” che si porta dietro il personaggio di Peter Quill fa la differenza.Vuoi saperne di più? La nostra recensione: Guardiani della Galassia 2: recensione. Imperfetti sì ma sempre i più divertenti
Guardiani_della_galassia_Saldana Zoe Saldana nel film Guardiani della Galassia.  Marvel

La Guerra dei Cafoni: parlavamo di sorprese, giusto? Questo è un “piccolo”, in senso di budget, film di Lorenzo Conti e Davide Barletti ma ha la stoffa dell’insolito. Una guerra di classe in una Puglia frastagliata, rude e bellissima. Non ci sono adulti e i ragazzi si battono, divisi tra Cafoni e Signori, con la rabbia che si ha all’inizio dell’adolescenza. Un western in riva al mare col sapore, anche politico, degli anni Settanta, dal libro di Carlo D'Amicis. E poi un vago eco letterario di peso: Il Signore delle Mosche.

East End: l’Italia del cinema non è un paese che ha tanto feeling con l’animazione, nel senso che nel Belpaese si fa pochissimo cinema del genere. Però c’è questo lavoro molto divertente di Giuseppe Squillaci e Luca Scanferla, incentrato su un gruppo di bambini che per vedere il derby Roma Lazio dirottano le trasmissioni di un satellite militare dell’antiterrorismo americano creando una crisi internazionale.
King Arthur Il Potere della Spada Charlie Hunnam è l'Artù di King Arthur Il potere della Spada  Warner Bros

King Arthur: e fu così che Re Artù divenne un outsider coatto, cresciuto per strada e con un taglio da hipster della Tavola Rotonda. È il nuovo lavoro di Guy Ritchie, ex marito di Madonna e cineasta che ama stravolgere, e tanto, i classici britannici da Sherlock Holmes al Ciclo Bretone. Montaggio frenetico, splendide e inquietanti creature in Computer Grafica, e tanto rock fanno di questo blockbuster un film divertente e coinvolgente. Se siete puristi della Letteratura però vi avvisiamo: non ci sono Lancillotto e Ginevra. E nemmeno Morgana.
La nostra recensione: King Arthur Il Potere della Spada, recensione. Artù: Re che viene dalla strada

Tutto quello che vuoi: commedia piena di garbo ed emozioni, terzo lavoro alla regia di Francesco Bruni, regista di Scialla, sceneggiatore di Montalbano e di molti film di Virzì. Giuliano Montaldo, grande esponente del Cinema italiano, è un anziano affetto da Alzheimer che stringe amicizia con un giovane spiantato appartenente a una gang di ragazzini che opera al centro di Roma. Il Quasi Amici italiano.
La recensione: Tutto quello che vuoi: recensione film. I “Quasi Amici” alla ricerca della Memoria
tutto quello che vuoi recensione Andrea Crapanzano e Giuliano Montaldo protagonisti di Tutto Quello Che Vuoi, dall'11 maggio 2017 al cinema.  Rai Cinema

Scappa Get Out: è forse il miglior film del mese questo horror che è una metafora potente su com’è cambiato, ma non decaduto, il razzismo negli Stati Uniti post Obama. È prodotto da Jason Blum, la mente dietro Paranormal Activity, The Visit, La Notte del Giudizio e anche stavolta non ha sbagliato il colpo. Un’opera piena di tensione pure quando cerca di essere comica, e non è un difetto.
La recensione: Scappa Get Out: recensione. Un horror per dirci come cambia il razzismo

7 Minuti dopo la Mezzanotte: vi piacciono i film tristi, quelli che pure se si chiudono gli occhi non si riesce a non piangere? Questo fa per voi: è un dramma fantasy interpretato da Felicity Jones, una straordinaria, straordinaria, Sigourney Weaver e Lewis MacDougall. Adattamento del libro omonimo di Patrick Ness, racconta la storia di un dodicenne che sta vivendo la malattia della madre che si aggrava sempre di più. La passione del piccolo per il disegno prende una piega inaspettata quando, ogni notte, sette minuti dopo la mezzanotte, compare un mostro che gli racconta delle storie non proprio a lieto fine. Bayona, regista di The Impossible, dirige con una mano ferma e potente un film dove sai che piangerai. Un lungometraggio anche furbescamente strappalacrime, ma, alla fine, l’emozione, grazie agli attori, arriva dritta e non si può fermare.

LEGGI ANCHE:

Alien Covenant: recensione. Cosa funziona e cosa no nel nuovo film di Alien