Fini e le 9 stanze d’albergo per la scorta pagate con quali soldi?

  | 12.08.2012 19:07 CEST
Gianfranco Fini
Il presidente della Camera, Gianfranco Fini.

Ansedonia, il presidente della Camera trascorre in Toscana le sue vacanze. Fin qui, nulla da eccepire. Oltre alla propria, Fini avrebbe prenotato nello stesso albergo, situato ad Orbetello, ben nove stanze, destinate ognuna ad un singolo bodyguard della scorta, per la cifra di 80 euro a camera.

Considerando che le ferie del presidente -e dunque la permanenza della sua scorta al mare- si estendono dai primi di luglio alla fine di agosto, il calcolo è semplice: 80 euro per nove, a loro volta moltiplicate per 60 giorni. Ovvero 720 euro moltiplicate per sessanta, che fanno registrare la modica cifra di 43 mila e duecento euro.

Più di qualcuno si è chiesto: "Chi le paga?". Il Viminale ha fatto sapere che Intanto il ministro Annamaria Cancellieri ha domandato al Capo della Polizia un'approfondita relazione sulle modalità del dispositivo di sicurezza predisposto.

Puntuale la precisazione di Gianfranco Fini: "Le modalità per garantire la sicurezza della mia persona in ragione della carica istituzionale ricoperta, sono decise autonomamente dai competenti organismi del ministero degli Interni, anche in base a norme di legge. Dal giorno in cui sono stato eletto Presidente della Camera ad oggi non ho mai chiesto, né tanto meno ho mai usufruito di servizi diversi, e men che meno privilegiati e di favore, rispetto a quelli decisi in base alle loro valutazioni dagli uffici della Polizia di Stato a ciò preposti".

Leggi anche:

Saviano a Sanremo per 200 mila euro a puntata 

Crac Windjet: passeggeri a terra e dipendenti a rischio 

 

 

Commenti