Giannino, catene ai polsi contro la pressione fiscale

di 29.01.2013 17:17 CET
Oscar Giannino
Si è dimesso da Fare per Fermare il Declino Creative Commons

Se ne vedono davvero di tutti i colori, in questa campagna elettorale. Durante la puntata di 'Porta a Porta' andata in onda ieri sera su Rai Uno, il giornalista e candidato premier alle elezioni politiche 2013 Oscar Giannino, si è simbolicamente incatenato i polsi davanti al conduttore Bruno Vespa per protestare contro le tasse sproporzionate per i cittadini italiani e per gli imprenditori.

"Voglio semplicemente mettermi nelle condizioni di milioni d'Italiani - ha affermato Giannino -  alle prese con le tasse e di centinaia di migliaia di imprenditori con le banche. Tenendo conto che siamo tutti con le catene tentiamo di ricordarci che la campagna elettorale serve a spezzarle".

Queste le parole del fondatore del movimento 'Fermare il declino', che ha estratto una catena dalla tasca, l'ha avvolta intorno ai suoi polsi ed è rimasto così durante tutta la trasmissione. Il movimento, che si basa su 10 proposte per "salvare" l'Italia dal fallimento della classe politica, si propone di rilanciare l'economia riducendo la spesa e allo stesso tempo la pressione fiscale.

 

Commenti