Grecia, titoli di stato tornano ad essere collaterale per la Bce

di 19.12.2012 13:29 CET
Grecia - Europa
Euro e dracma greca Reuters

 

Dopo la nota diffusa ieri dall'agenzia di rating statunitense Standard & Poor's, che portava a B- il rating dei titoli greci, la Bce, in un suo comunicato ha reso noto che i titoli di stato ellenici potranno ritornare ad essere usati come collaterale (garanzia) per le operazioni di credito condotte con lo stesso Istituto di Francoforte.

La Bce, inoltre, ha annunciato la sospensione, a partire dal prossimo 21 dicembre, della soglia di rating minimo fra i requisiti per utilizzare come collaterale il debito greco.

Intanto, il membro del board della Bce, Joerg Asmussen, afferma che gli acquisti di bond sovrani da parte della Bce dovrebbero fermarsi se viene attivato un nuovo programma Omt (Outright Monetary Transactions), cioè vengono richiesti aiuti all'Europa, e se il paese in questione non rispetta le condizioni previste.

La preoccupazione principale, afferma Asmussen, è che il continuo intervento dell'Eurotower nei confronti dei paesi in difficoltà, anche nel caso in cui non vengono rispettati gli impegni presi, può minare la stabilità dell'Eurozona oltre che a fornire incentivi distorti ai Governi di tali paesi che ridurrebbero il loro impegno per il risanamento delle finanze pubbliche.

Resta quindi aperta la questione sull'efficacia delle politiche monetarie condotte dalla Bce con i Paesi "core", la Germania in primis, che reclamano un maggior rigore fiscale e più vincoli per evitare la deriva dell'Area Euro.

 

 

Commenti