Grillo su Ingroia: "Solo una foglia di fico. Come Monti"

di 30.12.2012 9:47 CET
Grillo ritorna in tv
Nell'ultima settimana di campagna elettorale Lucarelli su Wikimedia Commons

Beppe Grillo 'gela' Antonio Ingroia, mantenendo fede alla volontà di non accettare alcuna richiesta di alleanza, anche se arriva da un personaggio che in passato il comico ha sempre difeso e dimostrato di apprezzare.

"A lui dico 'la porta è aperta' per dare una sterzata vera al governo del Paese. Le uniche preclusioni sono per Berlusconi e per Monti" aveva detto ieri Ingroia. Secca la risposta di Grillo in un post sul blog. "La biblica foglia di fico serviva per coprire i genitali di Adamo ed Eva scacciati dal Paradiso Terrestre. Per nascondere le loro vergogne. L'utilità della foglia di fico in politica è evidente. Una verniciatura arancione o montiana e il vecchio torna come nuovo. E' un gioco di specchi, una vecchia tecnica di marketing. Cambio il fustino, ma il contenuto è sempre lo stesso: il partito.

Nel caso di Rigor Montis l'operazione serve a salvare Azzurro Caltagirone e l'UDC di matrice cuffariana e clericale dall'uscita dal Parlamento, nel caso di Ingroia a creare un minestrone con tre partiti, Idv, Verdi e Prc che non hanno da soli alcuna possibilità di superare lo sbarramento elettorale. Ingroia ha detto che la sua porta per il MoVimento 5 Stelle è aperta. Lo ringrazio, ma, per favore, la richiuda".

Controreplica su Facebook di Ingroia: "Grazie, ma la mia porta decido io quando chiuderla. Ho sempre tenuto aperte le porte da magistrato verso i cittadini ed ora la tengo aperta in politica nel confronto con gli altri".

Commenti