Gruppo Volkswagen, pronta una "pezza" da 10 mld di dollari per risolvere il dieselgate in USA

Volkswagen
Particolare di un'auto Volkswagen Reuters/Mark Blinch

Il Gruppo Volkswagen cerca di risorgere dalle ceneri del dieselgate attraverso una strategia che punta fortemente verso i veicoli ad emissioni zero; l'ambizioso obiettivo di vendere in tutto il mondo 1 milione di veicoli elettrici ed ibridi plug-in entro il 2025  -sono previsti 30 nuovi veicoli elettrici- è più di un semplice proclamo. Il Gruppo capitanato da Matthias Müller ha inoltre dichiarato che la crescita verterà anche sui servizi di mobilità che entro il 2024 dovranno fornire "una parte consistente" del fatturato. 

LEGGI ANCHE: FCA, la Germania vuole lo scalpo di Marchionne, la stampa: "ha truccato le emissioni"

Elettrico, mobilità condivisa e auto a guida autonoma sono i pilastri del futuro del Gruppo

Queste strategie sono racchiuse all'interno del programma “TOGETHER – Strategy 2025” e sono orientate ad assicurare un futuro a lungo termine e una crescita redditizia. La nuova strategia trasformerà il Gruppo Volkswagen da costruttore automobilistico a provider di mobilità sostenibile di riferimento a livello mondiale. Per assicurare una crescita più profittevole la gamma prodotti dell'interno Gruppo verrà rivista in funzione di una maggiore ottimizzazione, per raggiungere questi obiettivi sono inoltre previsti 10 miliardi di euro di investimenti. Un’ulteriore leva per trasformare il core business automobilistico è lo sviluppo di nuove competenze. Il Gruppo intende perciò mettere a disposizione, in modo indipendente, le risorse necessarie per guida autonoma e intelligenza artificiale; l’obiettivo è brevettare una soluzione tecnica competitiva (self-driving system, SDS) sviluppata in proprio entro la fine del decennio.

Matthias Müller, CEO del Gruppo  Volkswagen | NAIAS 2016 Matthias Müller, CEO del Gruppo Volkswagen | NAIAS 2016  Volkswagen

LEGGI ANCHE: Le Audi del futuro? Elettriche e con guida autonoma "naturale"

“Il programma ‘TOGETHER – Strategy 2025’ renderà il Gruppo Volkswagen più efficiente, innovativo, vicino al Cliente e sostenibile – e sistematicamente orientato a una crescita redditizia. Intendiamo creare un valore duraturo per tutti i nostri stakeholder. Questo può essere raggiunto solo insieme – con i nostri Collaboratori, con e per i nostri Clienti, gli Azionisti e i Partner – nella piena consapevolezza della nostra responsabilità nei confronti della società e dell’ambiente” ha  affermato Müller.

Dieselgate: pronta la "pezza" da 10 milioni di dollari

Il Gruppo Volkswagen è stato fortemente colpito dallo scandalo emissioni, - è quello che è emerso dal Q1 - le  perdite della sola Volkswagen, l'azienda più colpita dallo scandalo, negli ultimi tre mesi del 2015 ammontano infatti a 127 milioni di euro da un utile di 780 milioni di euro registrato l'anno precedente. In termini economici il Dieselgate costerà quindi molto caro. Secondo Bloomberg il Gruppo è in procinto di presentare un piano da 10 miliardi di dollari per risolvere il problema del Dieselgate in America. Secondo la fonte a cui fa riferimento Bloomberg circa $ 6.5 miliardi andranno ai proprietari di auto e 3.5 miliardi di dollari al governo degli Stati Uniti e alle autorità di regolamentazione della California. La US Environmental Protection Agency e la California Air Resources Board non hanno approvato il piano proposto da VW; i proprietari delle auto difettate potranno comunque richiedere la riparazione dei veicoli. 

I legali che assistono i proprietari delle auto Volkswagen e che hanno fatto causa all'azienda tedesca dovranno presentare l'accordo entro il 28 giugno al giudice federale di San Francisco. Il giudice preposto, prima di decidere se approvarla, dovrà quindi valutare la proposta, congiuntamente all'accordo proposto dal costruttore con le autorità. Secondo Bloomberg l'accordo include l'opzione per i proprietari delle auto difettate di vendere a Volkswagen la propria vettura e di terminare il leasing in anticipo.

Dimmi quando, quando, quando

Secondo l'accordo proposto i proprietari di veicoli possono registrarsi per ricevere la loro auto riparata, ma non è detto che questo avverrà in tempi rapidi, poiché Volkswagen ha la capacità di gestire circa 5.000 veicoli ogni settimana, il che significa che potrebbero essere necessari quasi due anni prima che tutti i 482.000 veicoli vengano regolarmente riparati.