Il 73% degli elettori non vuole il ritorno di Berlusconi: Pdl ai minimi storici

  | 07.12.2012 12:26 CET
Silvio Berlusconi
Berlusconi

Quasi tre quarti del corpo elettorale italiano non vuole che Silvio Berlusconi torni in campo. È quanto emerge da un sondaggio elettorale condotto dall'Istituto Swg per il programma televisivo Agorà, in onda su Rai Tre.

Secondo il sondaggio, infatti, ben il 67% degli elettori del Popolo della Libertà condivide la scelta di tornare in campo del Cavaliere ma si dividono su cosa dovrebbe fare dopo. Secondo il 27% Berlusconi dovrebbe partecipare alle primarie, mentre per un altro 27% dovrebbe annullarle e prendere direttamente la leadership del Pdl. Un residuo 23% afferma, invece, che dovrebbe formare un nuovo partito.

Non è della stessa idea, però, il resto dell'elettorato. Se lo sguardo si alza all'intero bacino elettorale, infatti, ben il 73% degli italiani non è favorevole all'ennesimo ritorno di Berlusconi.

Per quanto riguarda il consenso ai partiti, il Partito Democratico continua ad affermarsi come la prima forza politica del paese. Secondo l'Istituto Swg, se le elezioni si tenessero oggi, il PD prenderebbe il 30,3% dei voti, il Movimento 5 Stelle, piazzandosi al secondo posto, prenderebbe il 19,7%, il Pdl il 13,8% (sarebbe il peggiore risultato di sempre).

Dietro a questo podio virtuale, si piazzerebbe quarto Sel che raccoglierebbe il 5,6% dei consensi, l'Udc con il 5,2% e l'Italia dei Valori con il 2,6%.

Nel frattempo continua a crollare la fiducia in Monti e nel suo esecutivo. Quest'ultima, infatti, si attesta al 33% nei confronti del premier (il minimo da quando è in carica) e al 25% nei confronti del governo.

Fonti: Ansa

Altri articoli di IBT MEDIA

Commenti