Il Senato approva legge Stabilità. Sul decreto firme manca l’intesa. "Liste pulite", norma a rischio

  | 20.12.2012 12:38 CET
Parlamento
Un"immagine di una votazione in Parlamento.

Il Senato ha approvato la legge Stabilità con 199 voti favorevoli e 55 contrari. Sul provvedimento il governo aveva posto la fiducia, votata anche dal Pdl. Il maxi-emendamento consta di un solo articolo composto da 554 commi. Un decreto giudicato "illegibile" dal Presidente Giorgio Napolitano.

Manca invece un'intesa tra i vari gruppi parlamentari a proposito del decreto firme. L'Aula della Camera dei Deputati dovrebbe essere convocata per le 15. Si discute sulla possibilità di ridurre a un terzo (40mila anzichè 120mila) le firme che le nuove liste, non presenti in Parlamento, devono raccogliere per poter correre alle prossime Elezioni.

Tra le novità inserite nelle ultime ore nel testo della legge Stabilità la proroga fino al 31 dicembre del 2013 del divieto di incroci proprietari tra televisioni e carta stampata.

Il decreto legislativo sulle cosiddette "liste pulite" non ha ricevuto il parere richiesto dalla commissione Bilancio del Senato. In questo modo il provvedimento è ora a rischio, non essendo approdato al Consiglio dei ministri.

 

Commenti