Imu: Associazione Contribuenti si prepara per il rimborso

  | 24.01.2013 11:06 CET
No Imu
Manifestazione No Imu a Bologna

Argomento caldo della campagna elettorale e non solo, le discussioni riguardo l'Imu, la tassa sulla prima casa, sembra doverci accompagnare ancora per alcuni mesi. Al di là di quegli aspetti della normativa che non sono stati del tutto chiarificati in sede legislativa, a chi e in quale misura spetterebbero le esenzione, l'Associazione Contribuenti Italiani (A.C.I.) ha avviato una procedura per richiedere il rimborso della tassa.

In due settimane, fanno sapere dall'Associazione, sono state distribuite 250 mila domande, tant'è che per far fronte alle numerose richieste è stato inserito nel sito dell'A.C.I un apposito modulo da compilare. Tutto ciò senza l'ausilio di consulenti, l'unica avvertenza è che la possibilità di richiedere il rimborso per il 2012 deve essere fatto entro il 28 febbraio. Le richieste dovranno essere fatte direttamente all'amministrazione comunale dove si trova l'immobile. Le ragioni di questa campagna mossa dall'Associazione Contribuenti, ma supportata da tanti altri come Altro Consumo e Codacons, sono nella presunta incostituzionalità dell'Imu.

Su questo si dovranno eventualmente pronunciare i giudici della Corte Costituzionale: cosa non di poco conto visto che sarà restituito quanto versato solo se verrà confermata l'incostituzionalità dell'Imu. Ma in tal caso non si escludono che ci potranno essere altre forme di rimborso.

Al di là di ciò va considerato un altro fattore: che dei 24 miliardi di euro incassati con l'imposta, solo tre andrebbero ad essere riferiti al pagamento della prima abitazione.

Altri articoli di IBT MEDIA

Commenti