Incidente Fiumicino, Alitalia accusata di frode

di 06.02.2013 16:14 CET

Nuovo risvolto giudiziario relativo all'incidente di sabato sera a Fiumicino, quando il volo Pisa-Roma del vettore rumeno Carpatair (a cui Alitalia ha affidato in gestione alcune rotte interne) è uscito fuori pista in fase d'atterraggio provocando 16 feriti (due in gravi condizioni).

La Procura di Civitavecchia che indaga sull'accaduto (ai due piloti contestati i reati di disastro e lesioni colpose) ha aperto un fascicolo sulla compagnia di bandiera italiana con l'accusa di frode in commercio. Secondo gli inquirenti Alitalia venderebbe i biglietti dei voli Carpatair come se fossero i propri, salvo poi affidare i passeggeri alla compagnia rumena. Decisive per l'apertura dell'inchiesta le testimonianze dei passeggeri del volo Pisa-Roma.

"Abbiamo segnalato alla Procura e all'Antitrust la prassi, assolutamente scorretta, di non indicare con chiarezza sui biglietti il nome del vettore che eseguirà materialmente il collegamento aereo, nei casi in cui una compagnia appalta una determinata tratta ad una società terza - scrive il Codacons in una nota - Al momento, infatti, sui biglietti compare solo un incomprensibile codice alfanumerico che non garantisce trasparenza ai passeggeri"

Commenti