Islam: accordo tra ministero Affari religiosi Tunisi e Unione comunità islamiche in Italia su imam

  | 31.12.2012 8:47 CET
Un enorme Corano, testo sacro della religione islamica.
Il ministro Profumo lancia la svolta: "L'ora di religione sarà multietnica"

E' stato sottoscritto ieri un accordo di collaborazione tra il ministero degli Affari religiosi della Tunisia e l'Unione delle comunità islamiche in Italia (Ucoii) sulla formazione e sull'invio di imam e guide spirituali in Italia. L'accordo è stato sottoscritto a Lignano Sabbiadoro dopo quattro giorno di convegni organizzati dall'Ucoii, da rappresentanti del ministero tunisino e dal presidente dell'Unione islamica italiana, Ezzedine Elzir. "Questo è un passaggio importante per l'Ucoii, perché passa da un attività di volontariato basata solo sulle esperienze personali e limitata ad un gruppo ristretto di persone ad una attività organizzativa più ampia. Stiamo studiando protocolli di intesa con altre realtà istituzionali dei paesi islamici del Mediterraneo come l'Egitto, nel rispetto dei trattati internazionali e delle leggi costituzionali nazionali", ha dichiarato l'imam di Firenze Elzir. Nel corso della quattro giorni di convegni organizzata in Veneto sono intervenuti uomini religiosi provenienti da Egitto, Tunisia e Marocco. L'iniziativa è stata promossa insieme all'associazione dei Giovani musulmani d'Italia (Gmi) e si tratta della prima congiunta tra le due associazioni islamiche. (agenzianova.com)

Commenti