Israele – Hamas, raggiunto accordo per cessate il fuoco

di 21.11.2012 18:57 CET
Colloqui Usa-Israele
Il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, osserva il presidente statunitense, Barack Obama, mentre parla durante i colloqui tra Usa e Israele, 5 marzo 2012. Reuters

Israele e Hamas hanno raggiunto un accordo per il cessate il fuoco che dovrebbe entrare in vigore a partire dalle 20. Il numero due di Hamas Musa Abu Marzuq, in un'intervista telefonica alla tv satellitare al-Arabiya, ha affermato che l'Egitto sarà il "garante" dell'accordo.

In base agli accordi Israele deve "cessare le ostilità, atti ostili, aggressioni contro Gaza per mare, aria e terra, inclusa l'invasione e colpire obiettivi umani". Hamas dal canto suo si impegna a "cessare tutte le ostilità, atti ostili o aggressioni, e il lancio di razzi contro Israele e gli attacchi dalle frontiere". Saranno aperti i passaggi per facilitare "lo spostamento delle persone" e per aiutare la popolazione di Gaza, stremata da questa settimana di raid in cui hanno perso la vita 150 palestinesi (30 bambini).

Il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha voluto ringraziare il collega egiziano Mohammed Morsi "per i suoi sforzi per raggiungere un cessate il fuoco sostenibile e per la sua leadership personale nel negoziare la proposta di cessate il fuoco".  "Accogliamo con favore l'accordo raggiunto poco fa al Cairo, anche se speravamo che fosse raggiunto prima, in modo da salvare molte vite, soprattutto palestinesi nella Striscia di Gaza" ha commentato Ryad Mansour,  Osservatore permanente dell'Autorità nazionale palestinese  all'Onu.

Commenti