La LAZIO di Petkovic ferma la JUVENTUS sullo 0-0

di 17.11.2012 19:02 CET
Petkovic
L'allenatore della Lazio Petkovic Reuters

PRIMO TEMPO. Partita caratterizzata da ritmi bassi, probabilmente perché la Juventus ha già la mente alla sfida con il Chelsea. Primo tempo abbastanza equilibrato: la Juventus non riesce ad essere veramente pericolosa perché la difesa della Lazio è attenta e non si fa mai sorprendere. Solo Giovinco riesce in un paio di occasioni a sguisciare tra le maglie biancazzure e impensierire Marchetti.

SECONDO TEMPO. Nel secondo tempo il ritmo si abbassa ulteriormente ed i bianconeri sono costretti a rinunciare alle azioni manovrate ed a provare con i tiri da lontano fino al 70' quando comincia l'assalto all'area biancazzurra, ma la Lazio non perde mai la concentrazione in difesa. Juventus non precisa e pericolosa nelle manovre come al solito. La Juve arriva a far paura solo su corner (traversa di Bonucci al 74'). Inutile l'ingresso di Matri e Bendtner.

OTTIMO RISULTATO PER LA LAZIO. La Lazio dimostra di essere una squadra molto attenta in difesa, come aveva dimostrato durante il derby con la Roma; Petkovic si conferma tecnico furbo e conscio delle dinamiche del calcio italiano, e non così offensivista come sembrava ad inizio stagione. Juve meno incisiva del solito anche perché forse sottovalutava le qualità difensive dei biancazzurri. Da segnalare due parate strepitose di Marchetti su Quagliarella prima e Marchisio poi.

INSULTI AL TECNICO LAZIALE. Brutto episodio nell'immediato post partita: finale agitato per il tecnico biancazzurro che ha risposto a brutto muso ad alcuni tifosi bianconeri che lo insultavano dalla tribuna tirando in ballo le sue origini etniche. 

LEGGI ANCHE:

LIVE. Segui in DIRETTA su IBTimes JUVENTUS-LAZIO: 0-0

SERIE B. Ecco tutti i RISULTATI E GOL della 15^ giornata

Commenti