La tua squadra perde sempre? Hai più probabilità di ingrassare

di 22.08.2013 10:10 CEST
Tifosi di calcio si disperano
Tifosi di calcio si disperano Flickr

I tifosi con qualche anno sulle spalle ricorderanno certamente lo slogan col quale si apriva e si chiudeva "Tutto il calcio minuto per minuto", che invitava a consolarsi con un bicchiere di una nota marca di brandy per le sconfitte della propria squadra. Ma secondo una ricerca francese intitolata "From fan to fat" ("Da tifoso a grasso") molto spesso i supporter delusi si consolano in un altro modo: buttandosi su cibi poco sani per la salute ed il girovita.

Lo studio, condotto dalla business school INSEAD e pubblicato su Psychological Science, ha preso in esame 475 partite della NFL (la lega professionistica di football americano) giocate da 30 squadre nell'arco di due anni. I ricercatori hanno rilevato che le persone che vivono in città con una squadra perdente tendono a consumare circa il 16% in più di grassi saturi il giorno della sconfitta rispetto alla loro dieta normale.

"La gente mangia meglio quando la loro squadra vince e peggio quando perde, specialmente se la sconfitta arriva in modo inaspettato, con uno scarto minimo o contro una squadra di valore simile", sostiene Pierre Chandon, uno degli autori dello studio, che precisa come questo aspetto sia ancora più marcato nelle città con tifosi molto coinvolti nelle vicende della squadra. Come dire che una sconfitta in un derby per 2-1 all'ultimo minuto rischia di avere conseguenze molto pesanti.

Gli studiosi hanno ipotizzato che, quando la propria squadra perde, le persone sentano una minaccia alla propria identità e tendano ad utilizzare il cibo come un meccanismo di reazione. All'opposto, vincere potrebbe invece aumentare l'auto-controllo.

Per verificare queste ipotesi, i ricercatori hanno condotto una nuova analisi su alcuni tifosi francesi, ai quali è stato chiesto di scrivere qualcosa riguardante una vittoria o una sconfitta della loro squadra. Successivamente, quando gli è stato offerto del cibo, quelli che avevano parlato di una sconfitta erano maggiormente propensi ad accettare patatine fritte o cioccolata anziché frutta e verdura.

Ma in questo caso Chandon propone anche una soluzione: "Dopo una sconfitta, mettiti a scrivere ciò che è davvero importante nella vita per te. Nei nostri studi, questa semplice tecnica chiamata 'auto-affermazione' ha completamente eliminato gli effetti delle sconfitte".

[Fonte: Psychological Science]

LEGGI ANCHE:

Studio USA: "Gli atei sono più intelligenti dei credenti"

Vivi in città? Hai più possibilità di una depressione post-parto: uno studio canadese spiega perché 

Ragazza inglese di 11 anni è più intelligente di Einstein