L'aereo supersonico "silenzioso" della NASA è un passo più vicino [VIDEO]

Illustrazione del Quiet Supersonic Transport o QueSST, l'aereo supersonico sviluppato dalla NASA
Illustrazione del Quiet Supersonic Transport o QueSST, l'aereo supersonico sviluppato dalla NASA NASA / Lockheed Martin

Quando si pensa alla NASA, solitamente vengono in mente razzi, viaggi tra i pianeti e la Stazione spaziale internazionale. L'agenzia statunitense si occupa però di aerospazio a 360°, ed un'importante dimostrazione in questo senso è il Quiet Supersonic Transport o QueSST, l'aereo che dovrebbe rendere nuovamente realtà il volo supersonico, diventato un ricordo dal ritiro del Concorde. Ad ogni modo, a differenza del velivolo anglo-francese, il modello della NASA avrebbe un vantaggio notevole: non produrrebbe l'iconico ed assordante "boom sonico", e sarebbe quindi molto più silenzioso da utilizzare.

Il progetto ha raggiunto un importante traguardo, ossia l'approvazione preliminare di design: si tratta di un passaggio fondamentale che, detto in poche parole, dimostra come al momento siano rispettati tutti i criteri previsti per lo sviluppo (anche in termini di costi e tabella di marcia) e si può quindi procedere con le fasi successive.

LEGGI ANCHE: "I calcoli di Hawking sull'origine dell'universo sono sbagliati", sostiene un amico dello scienziato

Gli ingegneri dell'agenzia e della Lockheed Martin hanno infatti concluso nei giorni scorsi come il progetto preliminare del QueSST sia in grado di rispettare gli obiettivi di missione per un aereo sperimentale "Low Boom", ossia in grado di minimizzare gli effetti del boom sonico, che era tra i principali limiti presentati del Concorde.

Un boom sonico è il suono generato dalle onde d'urto che vengono create da un oggetto che si sposta all'interno di un fluido (in questo caso da un aereo in volo) ad una velocità maggiore rispetto a quella del suono, ossia poco meno di 1.200 km/h. Si tratta di un fenomeno che produce un rumore molto forte, simile ad un'esplosione, cosa che spinge molte agenzie di regolamentazione del volo ad impedire il passaggio di aeromobili supersonici sopra i centri abitati.

Per questo motivo, l'aereo sperimentale, o X-Plane, nel corso del proprio sviluppo volerà al di sopra di centri urbani, in modo da raccogliere quanti più dati possibile per permettere l'approvazione del suo utilizzo in zone abitate. Ovviamente, per questo bisognerà attendere la realizzazione di un "vero" aereo da testare: al momento esiste infatti solamente un modello da 2,4 x 1,8 metri per i test nella galleria del vento.

LEGGI ANCHE: Elon Musk e Marte: i dettagli del suo piano di colonizzazione umana

Quando la NASA metterà alla prova il prototipo, sarà valutato in che modo il rumore prodotto dall'aereo colpisca le comunità sorvolate: non sarà quindi qualcosa di affidato ad una simulazione. L'agenzia auspica di raccogliere dati a sufficienza da convincere la Federal Aviation Administration (FAA) a modificare la propria regolamentazione sul volo supersonico.

La fase dei test di volo potrebbe iniziare già nel 2021: il completamento della fase di revisione permetterà infatti alla NASA di avviare l'invio di proposte dei contractor già nel corso di quest'anno e l'assegnazione degli appalti per la costruzione all'inizio del 2018. "Siamo un passo più vicini a costruire l'aereo vero e proprio", ha spiegato David Richwine, manager del programma per la NASA. "Gestire un programma come questo riguarda interamente lo spostarsi da un traguardo all'altro".

ORA GUARDA: Asgardia, la prima "nazione nello spazio", sta per creare il suo territorio in orbita