LEGO City Undercover, recensione PS4: cosa è cambiato in 4 anni

Quattro anni nel mondo dei videogiochi sono davvero tanti. Questo è il periodo di tempo intercorso tra l'uscita di LEGO City Undercover nella sua versione originale su Wii U e quella attuale su tutte le altre piattaforme, cioè PC, PlayStation 4 (versione da noi testata), Switch e Xbox One. Anche stavolta, come in LEGO Worlds, i soliti sviluppatori di Traveller's Tales non hanno legato questo titolo a una licenza cinematografica particolare, che sia Star Wars o un supereroe a caso della Marvel o DC. Qui si gioca con i LEGO in una grande città completamente esplorabile, punto (e non è poco).

L'umorismo tipico dei giochi LEGO però è rimasto, stavolta legato alle pellicole poliziesche: protagonista del gioco è infatti il poliziotto Chase McCain, che torna in azione per contrastare la sua nemesi Rex Fury. Insomma è un guardia e ladri, condita con un'apprezzabile serie di gag e autoironia sul mondo fatto di mattoncini.

LEGGI ANCHE: LEGO Dimensions è il sogno di ogni appassionato: i mattoncini prendono vita [RECENSIONE]

COME SI GIOCA

Stiamo parlando di un gioco LEGO, quindi il gameplay è fondamentalmente quello: un action adventure con fasi a enigmi legate alla costruzione/distruzione di elementi dello scenario, anche se le fasi action non mancheranno. Tornano anche le diverse abilità, legate non ai diversi personaggi come da tradizione ma a differenti vestiti per Chase.

La differenza sostanziale, quindi, è l'open world: non procedurale come in LEGO Worlds ma più alla New York di LEGO Marvel Super Heroes, anche se raccolto in uno spazio più concentrato, non avaro comunque di missioni, segreti e collezionabili. Non vi perderete di certo, perché la storia è scandita fondamentalmente a livelli.

COSA CAMBIA

LEGO City Undercover è fondamentalmente lo stesso gioco di quattro anni fa, con una fondamentale differenza: l'aggiunta della modalità multiplayer cooperativa. In qualsiasi momento un amico può entrare quindi in partita, anche se non si tratta di un nuovo personaggio ma di un clone di Chase (con colori differenti). E no, il secondo personaggio non fornisce nessun impatto alla storia. Diciamo che è un'aggiunta piacevole ma forse non studiata a dovere.

Il fatto è che il gameplay pensato per il giocatore singolo è stato semplicemente esteso alla possibilità di farne giocare un altro in contemporanea, tutto qui. E ricordiamo che su Wii U c'era un'interfaccia specifica per l'utilizzo del Gamepad (Chase ha ancora un dispositivo speciale), ma l'esperienza doppio schermo si perde su PS4.

LEGO-City-Undercover-Mappa LEGO City Undercover  Warner Bros

Ovviamente anche la grafica è stata migliorata, e ci mancherebbe. Del resto c'è una bella differenza tra l'hardware Wii U e quello PS4, ma non vi aspettate miracoli. La prima cosa che si nota è la risoluzione, ora in Full HD 1080p, e la ricchezza maggiore degli scenari. I caricamenti sono decisamente più leggeri, ma persistono alcuni cali di frame rate.

LEGO City Undercover è un acquisto inutile per tutti quelli che l'hanno giocato su Wii U. Ma considerando la scarsa base installata della ormai console di scorsa generazione Nintendo, in pochi l'hanno provato. Ora si affaccia a un'utenza molto più vasta, ha una storia nuova e non mutuata da qualche famosa licenza, è tutto sommato divertente e adatto sia ai giocatori più piccoli (è completamente localizzato in italiano) che a quelli un po' più grandicelli, magari fan da sempre dei LEGO. Certo, poteva essere fatto di più, soprattutto sul lato multiplayer, che rimane comunque un'aggiunta godibile.

PRO

- Si tratta di un gioco con dei LEGO, è un pro a prescindere

- Il Multiplayer è un'aggiunta interessante

CONTRO

- Multiplayer godibile, sì, ma si poteva fare molto di più

- Risoluzione più alta rispetto a Wii U, ma tecnicamente rimangono delle sbavature

ORA GUARDA: Recensione Mario Kart 8 Deluxe per Nintendo Switch: compratelo