Libia, ambasciatore in Italia al Safar: "nostro paese pieno di cultura"

di 29.10.2015 17:44 CET
Grande Moschea a La Mecca
Pellegrinaggio alla Grande Moschea, a La Mecca, Arabia Saudita Reuters

Nell’ambito della Settimana della Cultura Islamica, in corso a Roma, è stata inaugurata oggi presso la Grande Moschea di Monte Antenne la mostra di pittura “Libyans in Creativity”, a cura dell’Ambasciata di Libia.

Come ha sottolineato Ahmed al Safar, ambasciatore di Libia in Italia, “La Libia non è solo una terra origine di traffico di migranti, e di guerra, ma anzi ha una storia e un patrimonio civile e culturale di primissimo ordine nel Mediterraneo, e questa mostra ne è una testimonianza”.

Sono state esposte opere su olio e a tecnica mista realizzate da artiste libiche che studiano e risiedono in Italia. La creatività è stata vissuta dalle Artiste anche come momento rigenerativo del proprio Paese, teso nello sforzo di riedificazione di un’unità e una riconciliazione del proprio Popolo. Il direttore del Centro Islamico, Abdellah Redouane, ha espresso il vivo apprezzamento per la preziosa partecipazione della Libia alla Settimana della Cultura Islamica, in un momento così significativo della comune storia del Mediterraneo, ricordando come la Grande Moschea di Roma, si proponga da sempre come foro di incontro, di conoscenza e di dialogo.