Manovrina: spuntano nuove tasse e balzelli nel testo definitivo. Ecco novità su accise, giochi, bus e affitti

Gentiloni
Paolo Gentiloni REUTERS/Tony Gentile

Dovrebbe arrivare a breve in Gazzetta Ufficiale il decreto omnibus di 68 articoli conosciuto come Manovrina, quella chiesta da Bruxelles per recuperare lo 0,2% del PIL che non faceva tornare i conti italiani. Della manovrina si parla da tempo, ma soltanto all’ultimo tuffo il Governo ha chiarito come intende recuperare i 3,2 miliardi mancanti. Secondo quanto riporta l’ANSA che ha letto il testo in via di pubblicazione, la manovrina contiene nuove tasse e balzelli introdotte dal Governo per far tornare i conti. Ecco le principali.

SEGUICI SU FACEBOOK  E SU TWITTER

Multa sui bus

La manovrina fa cassa con i cosiddetti “portoghesi” dei bus, coloro che salgono senza il biglietto. La norma prevede maximulte fino a 200 euro per chi prende l'autobus senza pagare. Inoltre la manovrina stabilisce che “le rilevazioni dei sistemi di video sorveglianza presenti a bordo e alle fermate possono essere utilizzati come mezzo di prova”.

Accise sui tabacchi

Non poteva mancare l’ever green del ritocco alle accise sui tabacchi. Lo Stato prevede di incassare dai fumatori italiani circa 83 milioni nel 2017 e 125 milioni a regime dal 2018. Entro 30 giorni dall’entrata in vigore della manovrina le accise sui tabacchi subiranno un ritocco al rialzo.

Tassa sul lotto

Salgono anche le tasse sulle vincite ai giochi statali. Con la manovrina raddoppia al 12% la "tassa sulla fortuna", mentre sale dal 6% all'8% il prelievo sulle vincite al Lotto. Dal primo ottobre 2017 scatterà la tassa al 12% valida però soltanto per le vincite sopra i 500 euro. Il PREU (prelievo erariale unico sulle slot) passa invece al 19%, mentre quello sulle videolotterie è fissato al 6%.

Tassa sugli affitti brevi

Anche gli affitti brevi e quelli tramite portali come Airbnb o booking entrano nel perimetro del fisco italiano, come chiesto a gran voce dagli albergatori tradizionali. Con la manovrina infatti, dal primo giugno scatteranno le nuove regole sulla cedolare sugli affitti brevi che riguarderà sia le case vacanze, sia gli immobili affittati tramite i portali online. La manovrina fissa l'aliquota al 21% e prevede che siano gli intermediari, agenzie o portali ad agire come sostituti d'imposta trattenendo le tasse da pagare. In caso di irregolarità è prevista una multa fino a 2mila euro.

Alitalia, Fs-Anas, stadi e Comuni: altre novità della manovrina

Oltre ai nuovi balzelli, la manovrina affronta anche altri temi del momento. Tra questi il nodo Alitalia che, come sappiamo, necessita di una forte iniezione di liquidità. Per aiutare il salvataggio il Governo ha inserito una norma che autorizza il ministero dell'Economia e delle finanze a sottoscrivere un aumento del capitale di Invitalia, nella misura massima di 300 milioni, utili a fornire le garanzie chieste dalle banche.

LEGGI QUI SU ALITALIA

Nella manovrina c’è spazio anche per lo stadio della Roma. Il testo regolamenta le demolizioni e le cessioni di superficie, disciplina la realizzazione di immobili non sportivi, concede il diritto allo sfruttamento commerciale dell'area limitrofa in occasione di grandi eventi. Anche se non lo cita in modo esplicito, il riferimento allo stadio della Roma non passa inosservato.

Via libera anche al matrimonio tra ANAS ed FS. La manovrina infatti, autorizza il ministero dell'Economia a trasferire le azioni di ANAS alle Ferrovie dello Stato, attraverso un aumento di capitale e prevede un aumento degli investimenti del 10%.

LEGGI QUI SU NOZZE ANAS-FS

Aiutino alle trivelle in arrivo. La manovrina contiene una norma che, considerando le piattaforme off shore nel “mare territoriale”, di fatto le solleva dal pagamento di IMU, TASI e ICI.

Infine, il testo in via di pubblicazione prevede per i Comuni le assunzioni con lo sponsor. Le amministrazione locali potranno fare assunzioni, a tempo determinato di tipo stagionale, se a pagare sarà uno sponsor o un accordo di collaborazione con un soggetto privato. La norma, in deroga al blocco delle assunzioni, prevede che le assunzioni siano finalizzate solo a servizi aggiuntivi rispetto a quelli ordinari.