Maturità, ecco la seconda prova: Aristotele per il classico, Lagrange per lo scientifico

di 21.06.2012 10:13 CEST
Il digitale entra nelle scuole: procedure informatiche per la maturità 2013
Immagine d'archivio Reuters

Secondo giorno di esami per i circa 500 mila maturandi italiani che oggi hanno dovuto affrontare la seconda prova. Al contrario della prima, quest'ultima è diversa a seconda dell'istituto: versione di greco per il liceo classico, matematica per il liceo scientifico, lingua straniera per il linguistico, pedagogia per il liceo pedagogico.

Per quanto riguarda la versione di greco sarebbe stato proposto un brano di Aristotele dal titolo "Non il caso ma la finalità regna nelle opere della natura". Verrebbero confermate, quindi, le voci che davano per certa l'uscita di Aristotele alla seconda prova.

Problema di analisi allo scientifico. Diversi i quesiti da affrontare: da uno sul principio di induzione ad uno sull'applicazione del teorema di Lagrange.

Per lo psicopedagogico, invece, una delle tracce proposte riguarderebbe l'apprendimento personalizzato e la trasmissione del sapere con brani di Giuseppe Longo e David Miliband.

 

Commenti