Mercati 2013: cosa dobbiamo aspettarci? L'intervista a Gianvito D'Angelo

di 14.01.2013 14:44 CET
  • Gianvito D'Angelo
    Gianvito D'Angelo Gianvito D'Angelo
  • stoxx50
1 of 2

D.P.:Cosa ti aspetti dallo Stoxx?

G.D.: Il mercato dall'estate in poi, ha inanellato 7 candele verdi consecutive e la resistenza in area 2600 è stata bruciata pur avendo generato pattern di inversione.

D.P.:Come vedi il prossimo futuro su Eurostoxx?

G.D.:Mi aspetto una prima parte dell'anno (6 mesi) tendenzialmente positivo con target di 3000 punti. La resistenza in area 2600 potrebbe a quel punto fungere da supporto.

D.P.:Qual'è il motivo tecnico per cui vedi un rialzo nella prima parte dell'anno?

G.D.:Il mercato, dai famosi minimi di marzo 2009, ha avuto come resistenza i 3000 punti ma ha generato a seguire sempre massimi più bassi. In un'ottica short mi sarei aspettato un mercato che non avesse oltrepassato area 2600 generando quindi un massimo più basso. Come spesso dico in coaching operativo, la negazione di un segnale short innesca frequentemente un grosso segnale long.

D.P.:Che tipo di andamento ti aspetti?

G.D.:Mi aspetto un andamento che vada a target a 3000 punti entro il primo trimestre mentre nel secondo trimestre un andamento in trading range tra 2600 e 3000.

D.P.:Alla luce di quanto detto, che tipo di operatività consigli in coaching?

G.D.:Caro David questa è una delle domande che mi pongono più spesso quando inizio con le persone che seguono il percorso di apprendimento... Sai cosa rispondo sempre? L'operatività e l'orizzonte temporale sono un po' come un vestito, dovremo scegliere quello che si adatta di più al nostro stile. Nel trading però conta un altro fattore fondamentale, una domanda che pochi si pongono:"Qual'è l'orizzonte temporale che massimizza il profitto?" Ho quindi elaborato un modello di scelta basato sull'esclusione: ho dapprima escluso lo scalping perchè troppo stressante (oltre agli eccessivi costi commissionali) in seconda istanza ho escluso l'orizzonte multiday perché sottoponeva i profit potenziali ad escursioni troppo ampie. Facciamo un esempio: un profit potenziale di 1000 dollari prima di andare a target a 2000 dollari passava per una perdita potenziale di 100 dollari: Si prestava quindi molto poco ad una gestione ottimale della posizione!

D.P.:Quale orizzonte temporale massimizza il profitto?

G.D.:È un'operatività intraday non spinta dove, con opportuni strumenti, si riescono a cogliere le tendenze dominanti di una giornata che sono una o al massimo due.


D.P.:Quanto dovrebbe essere il profitto medio di ogni operazione?

G.D.:Un obiettivo accettabile è quello di riuscire a catturare almeno la metà del range giornaliero medio.


D.P.:Fammi un esempio

G.D.:Lo stoxx oscilla mediamente tra 35 e 50 punti al giorno. Un obiettivo accettabile su questo strumento dovrebbe riuscire a catturare almeno la metà di questo range (17-25 punti). 

D.P.: Ringraziamo Gianvito per il tempo e per la disponibilità a fare queste interviste periodiche per IBTimes. Non mi resta altro che augurarti un buon anno.

G.D.: Un saluto a te e a tutti i lettori di IBTimes Italia.

 

Per contattare Gianvito D'Angelo e scambiare idee di trading è possibile contattarlo sul suo profilo Facebook oppure via mail (clicca qui)

 

 

 

Commenti