Mercati americani girano in negativo su base mensile. In via di conferma la statistica sulle "presidenziali"

  | 08.11.2012 10:38 CET
S

In tal merito, andiamo ad osservare l'andamento del più importante indice Usa al mondo: l'S&P500, che racchiude le 500 società americane a maggior capitalizzazione. Ottobre ha chiuso in rosso e dalla statistica non possiamo che aspettarci un mese dello stesso segno.

Novembre, però, era iniziato bene per l'S&P che aveva visto rialzi del 2% su base mensile fino a 2 giorni fa (LEGGI ARTICOLO). Da ieri una discesa pesante dovuta al post elezione di Barack Obama e per i timori legati al Fiscal Cliff e alle manovre che gli Usa dovranno mettere in atto per sconfiggere questo mostro, ha portato l'S&P500 a virare in negativo su base mensile lasciando una lunga shadow al di sopra del prezzo corrente. I numeri della statistica parlano chiaro al di là degli eventi macro che "influenzerebbero" il mercato. 

In sostanza la prima tendenza del mese è stata bruciata dal ribasso di ieri, ribasso che secondo i numeri dovrebbe persistere per tutto il mese. Aspettiamo con ansia la fine del mese. 

LEGGI ANCHE:

 Mercati, novembre sarà un mese negativo 

Mercati, ecco come si muovono durante le elezioni in Usa 

Commenti