Microsoft acquisisce Nokia: ecco tutti i dettagli

di 03.09.2013 8:25 CEST

Microsoft ha strappato un'assegno da 7,2 miliardi di dollari (5,44 miliardi di euro) per acquistare l'intero pacchetto smartphone di Nokia. Oltre all'acquisizione quasi completa del settore Devices and Service (relativo al comparto mobile dell'azienda finlandese), l'accordo consentirà a Microsoft di godere dei brevetti Nokia e di tutti i servizi di mappatura. 

Non si tratta di un passaggio immediato, visto che la transazione si chiuderà probabilmente entro il primo trimestre del 2014. L'investimento di casa Redmond è suddiviso in due parti: 3,79 miliardi di euro per gli asset di produzione e 1,65 miliardi di euro per le licenze dell'intero pacchetto dei brevetti Nokia.

L'ex membro dello staff Microsoft e attuale CEO di Nokia, Stephen Elop, diventerà capo della divisione e dirotterà 32 mila impiegati Nokia alla volta di Microsoft. Julie Larson-Green resterà capo del team Devices and Studios di Microsoft, che include la divisione Xbox 360 e Xbox One.

Microsoft acquisirà la divisione Nokia Smart Device, compresi il marchio ed i prodotti Lumia, che hanno venduto 7,4 milioni di unità. Acquisito anche il giro d'affari legato ai telefoni cellulari, che ha registrato la vendita di 53,7 milioni di unità nel secondo trimestre 2013. Nokia e Microsoft hanno lavorato insieme per più di due anni e collaborato per produrre un paio di smartphone del marchio Lumia, l'azienda finlandese è stata la più grande spalla di Microsoft per quanto riguarda il sistema operativo Windows Phone 8

Steve Ballmer, boss di Microsoft, ha espresso il suo entusiasmo per l'acquisizione dichiarando, tramite una mail:

"Abbiamo annunciato alcune notizie interessanti oggi stipulando un accordo per l'acquisto di Nokia Devices and Service, che include la loro attività di telefonia smartphone e mobile, il loro pluripremiato team di progettazione, di produzione, impianti di assemblaggio di tutto il mondo, e i team dedicati alle operazioni di vendita, marketing e supporto.

Per Microsoft, questo è un passo coraggioso verso il futuro e la prossima grande fase della trasformazione l'abbiamo annunciata l'11 luglio. Siamo molto entusiasiti di unire i migliori sforzi di Microsoft e Nokia. La nostra partnership con Windows Phone negli ultimi due anni e mezzo ha dato risultati incredibili, lo splendido Lumia 1020 ne è un esempio. La nostra collaborazione ha anche portato ad una crescita incredibile. In realtà, i Nokia Windows Phone rappresentano la più rapida crescita nel mercato smartphone. 

Ora è il momento di costruire su questo slancio e accelerare sui profitti in ambito cellulari. Chiaramente, maggiore successo con i telefoni rafforzerà l'opportunità complessiva per noi e per i nostri partner così da attuare la strategia di creare una famiglia di dispositivi e servizi per privati e aziende, che permettano alle persone di tutto il mondo a casa, a lavoro e in viaggio, si svolgere le attività che apprezzano di più.

Questo è un acquisto intelligente da parte di Microsoft, e un buon affare per entrambe le società. Stiamo ricevendo incredibile talento, teconologia e IP. Abbiamo visto tutti l'incredibile lavoro che Nokia e Microsoft hanno fatto insieme. Data la nostra lunga partnership con Nokia e tanti leader chiave che si stanno unendo a Microsoft, ci aspettiamo una transazione graduale".

UN FUTURO DIVERSO - Anche se Nokia e Microsoft collaborano già da diverso tempo, con questa manovra il futuro assume delle prospettive assolutamente inedite. Diventa verosimile la possibilità di vedere un tablet Lumia e tutti gli investimenti di casa Redmond in ambito smartphone saranno ora orientati verso un proprio ramo aziendale, e non più verso un corpo esterno, come prima. Ora che anche Microsoft sbarca nel segmento phone, non solo a livello software ma anche hardware, un nuovo protagonista - che è già un gigante - è pronto a dire la sua.

COSA RIMARRA' DI NOKIA? - L'accordo non priverà Nokia di tutte le sue licenze. Il colosso finlandese continuerà infatti a detenere una certa quantità di licenze, concentrandosi soprattutto sullo sviluppo delle proprie tecnologie, come ad esempio la funzionalità HERE che, anche se potrà essere utilizzata da Microsoft, la proprietà rimane nelle mani di Nokia. Al contrario del marchio e dei prodotti Lumia, il brand Nokia rimane di proprietà dell'azienda finlandese.

In soldoni, con l'acquisizione da parte di Microsoft, Nokia si trasforma in una società di sviluppo di nuove tecnologie e IP, perdendo il suo ruolo di produttore che passa nelle mani di Microsoft. 

LEGGI ANCHE

PlayStation 4, possibili guai in Europa: streaming giochi PS3 a rischio 

Ascoltare musica fa bene al cuore. Letteralmente  

Meizu MX3, il primo smartphone al mondo con 128 GB [VIDEO]