Milano, sciopero ATM 5 aprile: previsti forti disagi. Orari, cause e informazioni generali

Milano Metro Duomo
Il simbolo della metropolitana di Milano con alle spalle il Duomo Wikimedia Commons/JasonParis (CC-BY 2.0)

Mercoledì 5 aprile sarà una giornata di scioperi. A fermarsi infatti, non saranno solo i dipendenti di Alitalia per protestare contro l’ormai celeberrimo piano industriale dell’azienda guidata da Cramer Ball. I cittadini di Milano dovranno pure affrontare l’agitazione dei lavoratori di ATM , la società che gestisce il trasporto pubblico del capoluogo lombardo.

SEGUICI SU FACEBOOK  E SU TWITTER

ATM, lo sciopero del 5 aprile: orari e informazioni

Le organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl, Faisa-Cisal, Orsa, Sama-Faisa e Cub Trasporti hanno indetto per il 5 aprile uno sciopero generale della durata di quattro ore che coinvolgerà tutto il personale dell’azienda. A rischio dunque le corse in autobus, tram e metropolitana.

L’agitazione, come detto, avrà una durata di quattro ore. L’inizio è stato fissato per le ore 8.45 e la fine sarà alle ore 12.45. Previsti già forti disagi su tutto il territorio, il consiglio per i milanesi è dunque quello di armarsi di pazienza e cercare di evitare il più possibile i problemi derivanti dal blocco dei mezzi pubblici locali.

ATM, sciopero 5 aprile: le motivazioni

Da sottolineare che lo sciopero potrebbe creare forti disagi anche alle centinaia di migliaia di turisti e addetti ai lavori che si trovano a Milano per visitare l’ormai celeberrimo Salone del Mobile. Proprio per questo motivo il sindaco Beppe Sala aveva chiesto ai sindacati  "un atto di buona volontà" nella settimana "più importante per l'immagine della città e per la sua economia" e per una Milano "che vuole vivere sempre più di eventi internazionali".

Appello che però è caduto nel vuoto: "Non possono chiamarci solo quando c'è bisogno perché si accorgono due giorni prima che c'è il Salone. Così non funziona. E poi chi è che ha portato a questa situazione? Noi non ci divertiamo certamente a fare sciopero. Tutta la politica sta sottovalutando il clima incendiario che c'è nell'azienda. La Cgil sta cercando di lavorare per evitare che accadano blocchi selvaggi", ha dichiarato il segretario della Camera del Lavoro, Massimo Bonini.

La mobilitazione arriva in seguito al fallimento del tentativo di negoziazione avvenuto lo scorso 16 marzo. I sindacati hanno deciso di scioperare contro il Comune e la delibera sulla futura gara di affidamento del trasporto pubblico locale con la quale, secondo le varie organizzazioni sindacali che hanno promosso la protesta  "si decide di spezzettare il sistema della mobilità milanese" e, in sostanza, mette a rischio il futuro di ATM.