Minzolini perde la testa su Twitter

di 25.01.2013 16:37 CET
Twitter
Il servizio di microblogging più diffuso al mondo Reuters

La sua direzione del Tg1 viene ricordata soprattutto per gli editoriali a profusione in cui provava a difendere il suo operato, considerato eccessivamente filo-berlusconiano (per usare un eufemismo). Poi lo scandalo della carta di credito aziendale, per cui è imputato con l'accusa di peculato, che ha convinto la Rai a fare meno di lui. Oggi la candidatura con il Pdl in Liguria.

Augusto Minzolini doveva aspettarsi commenti non proprio favorevoli sulla discesa in campo, ma pare non aver fatto abbastanza training autogeno. E agli attacchi ricevuti su Twitter ha risposto con insulti. Una rapida carrellata:

"Provo pietà per voi, siamo all'ignoranza più gretta"

"Io ho detto (sic) le mie opinioni e le rispetti come io rispetto le tue. Altrimenti sei solo un imbecille"

"Non perdo tempo con chi offende. Ho pietà per la presunzione basata sul niente"

"Ma non si vergogna a usare espressioni del genere? Lei è un miserabile"

 "Ti avverto che non scherzo. Questa storia sarà chiarita a giorni. Se insisti ti trovo e ti querelo"

"Ma hai qualche problema con la vita? Sii sereno"

"Tu mi rispetti, io ti rispetto. Tu offendi gratuitamente e io ti offendo"

"Proabibilmente di culi ne dovete leccare tanti per parlare in questo modo"

"Ma quante scemenze dici? E' possibile che ripeti sempre cazzate che non ti escono dal cervello ma dal culo?"

Commenti