Napolitano da Parigi: “Monti non è candidabile, coinvolgetelo dopo il voto”

  | 22.11.2012 13:09 CET

Per chi non l'avesse capito Giorgio Napolitano "pretende" di vedere Mario Monti a Palazzo Chigi anche dopo le prossime elezioni. In visita a Parigi il Capo dello Stato lancia un messaggio tanto all'Europa (grande sponsor di un Monti-bis) che ai politici italiani.

"Un senatore a vita non si può candidare al Parlamento perché già parlamentare. Non può essere candidato di nessun partito. Monti è un senatore a vita e pertanto ha uno studio a palazzo Giustiniani dove potrà ricevere chiunque, dopo le elezioni, vorrà chiedergli un parere, un contributo o un impegno" ha precisato il Capo dello Stato.

"E' verissimo che ci sono alcune forze politiche o movimenti, non so come chiamarli perché la situazione oggi è fluida, che pensano che Monti potrebbe continuare a fare il presidente del Consiglio, dopo il voto, in un governo politico e non più tecnico: è un diritto o una facoltà che ha qualsiasi partito" ha concluso Napolitano.

Quindi niente lista Monti alle prossime Politiche, come ha osato chiedere Alfano qualche giorno fa. L'unico Presidente del Consiglio possibile per il Quirinale si chiama Mario Monti. Vediamo ora ch oserà sfidare Napolitano e modificare la legge elettorale in modo tale da rendere governabile questo Paese per chi vincerà le elezioni. Le primarie del Pd e del Pdl sembrano sempre più inutili ogni giorno che passa. Un vincitore c'è già e non ha neanche bisogno di candidarsi.

LEGGI ANCHE:

Mario Monti, come vincere le elezioni senza candidarsi

Napolitano traccia l'identikit del prossimo governo

Altri articoli di IBT MEDIA

Commenti