Nintendo Switch, 3 ragioni per non comprarla

Nintendo Switch-4
Un primo piano del Joy Con destro IBTIMES ITALIA/Massimiliano Di Marco

Nintendo Switch è uscita il 3 marzo 2017: milioni di persone si sono fiondate ad acquistarla, magari insieme a una copia di The Legend of Zelda: Breath of the Wild. Solo per scoprire l'amara verità: la console ha problemi di diversa natura, e questo è ormai normale per un prodotto appena uscito sul mercato.

SEGUICI SU FACEBOOK 

Gli utenti hanno lamentato di:

- Schermo soggetto a graffi, soprattutto mentre si inserisce nella dock. Tocca quindi spendere ulteriormente per una pellicola, o magari per una custodia quando si gioca outdoor.

- Schermate blu che segnalano la “morte” del dispositivo e attualmente il supporto tecnico di Nintendo non ha ancora una soluzione a questi problemi. L’unica soluzione, diciamo, è prendere un’altra console restituendo la propria.

- Joy Con (quello sinistro) che non si connette alla console già durante la prima configurazione (questo dovrebbe essere il motivo). Reggie Fils-Aime ha dichiarato al Time che Nintendo sta indagando su questi problemi di disconnessione, sta parlando con i giocatori che hanno riscontrato questi problemi. Nintendo consiglia in ogni caso di tenere Switch lontana da altri apparecchi elettronici come smartphone, laptop e tablet (pare facile a dirsi).

LEGGI ANCHE: Nintendo Switch già violata grazie al browser nascosto: homebrew e "giochi gratis" in arrivo?

- Per non farsi mancare nulla, molti utenti stanno segnalando pixel morti sullo schermo. Le console saranno sostituite, no? No. Nintendo ha fatto sapere sulla pagina faq del sito ufficiale che "un piccolo numero di pixel morti è una caratteristica tipica degli schermi LCD. Si tratta di un fenomeno normale e come tale non può essere considerato un difetto"

- Un'altra trafila di difetti, tra cui alcuni software, come l'errata segnalazione della percentuale della batteria. Abbiamo testimonianze di giocatori che sono riusciti a giocare a Zelda un'ora con l'1% di batteria.

Questo video riassume l'attuale situazione.

Sia chiaro: Nintendo Switch è un'ottima console e un'ottima idea da parte di Nintendo. È versatile, si possono giocare perle come Zelda in mobilità ed è costruita con buoni materiali in generale. Inoltre solo alcuni giocatori stanno riscontrando problemi, ce ne sono molti altri che hanno una console perfetta. E poco meno di 4 anni fa abbiamo consigliato di non comprare PS4 e Xbox One perché semplicemente non era il momento giusto. Ma questo si scontra con i soliti problemi ai quali incappano gli early adopters. Ecco quindi 3 semplici ragioni per non comprare Nintendo Switch:

LEGGI ANCHE: Nintendo Switch, miglior lancio di sempre? Non esattamente

1) Vi conviene alla luce dei problemi che stanno riscontrando alcuni utenti? Immaginate di scartare la console e di trovare 3 pixel morti sullo schermo del tablet. Nintendo non li considera (per ora) un difetto, bisognerà tenersi la console così com'è. Oppure se la Switch vi segnala l'1% e invece la batteria è carica al 100% dovete attendere un aggiornamento software per risolvere, che arriverà non si sa quando. Sony ha reso PS4 una console completa solo con l'aggiornamento 4.50, e per avere certe feature ci sono voluti 4 anni. Quanto impiegherà Nintendo per far arrivare su Switch servizi come Netflix?

2) I giochi al lancio sono pochi: questa è prassi, accade per tutte le console. Bisogna dare il tempo agli sviluppatori di completare un lavoro lungo, dare a Nintendo il tempo di stringere accordi con terze parti, insomma il solito. Ma fatto sta che l'unico gioco (e che gioco) al lancio di Switch che vale la pena di provare è The Legend of Zelda Breath of the Wild. Il resto, tra 1-2-Switch, Super Bomberman R e Just Dance 2017, con tutto il rispetto, può rimanere bellamente sullo scaffale.

3) Alla luce dei titoli di lancio, bisogna segnalare che il nuovo Zelda è disponibile anche per la tanto odiata Wii U. Sì, non potrete giocarci al bagno, ma il risparmio potrebbe valere il solo acquisto di questa killer app su Wii U, se avete già la console. E le differenze tecniche non sono poi così abissali.

Il consiglio è quindi banale ma dettato dal buon senso: aspettate. Almeno un anno. Nel frattempo i problemi del lancio saranno risolti (si spera), ci saranno più giochi (due esempi: Mario Kart 8 Deluxe e Xenoblade Chronicles 2) e quelli ormai "vecchi", come Zelda, si troveranno nuovi a un prezzo più basso. Tanto lo sappiamo che su una mensola da qualche parte tenete sfilze di giochi che ancora dovete completare, ma l'acquisto compulsivo è dietro l'angolo. Aspettate.

BONUS: PERCHÈ HORIZON: ZERO DAWN CI HA STUPITO