'Non posso garantire per l'Italia dopo il mio mandato'

di 19.11.2012 10:33 CET
Il presidente del Consiglio Mario Monti
Mario Monti Reuters

Monti non si sbilancia. Anzi, sembra giocare d'equilibrio, e non slo. "Non posso garantire per il futuro" ha detto a chi gli ha chiesto se in Kuwait abbia dato garanzie sull'affidabilità dell'Italia dopo il suo mandato. "Chi governerà deve avere come obbiettivo quello di continuare a garantire crescita, giustizia, lotta a corruzione e evasione", quanto ai mercati e alla stabilità del nostro Paese, il Premier lascia intendere che non ha certo la sfera di cristallo.

Mossa tattica per evidenziare che al momento la fiducia dell'Italia in Europa e nei Mercati mondiali è appessa al professore e legata a filo doppio senza soluzione di continuità, oppure semplice prudenza?

"Poteva risparmiarsi questa battuta di pessimo gusto" attacca Niki Vendola, ma ad andarci giù pesante è Di Pietro: "ricatto bello e buono: o rivado io al governo, o agli investitori stranieri dico che non garantisco per l'affidabilità del paese dopo di me. L'Italia resta comunque affidabile, è lui che si è montato la testa".

Tuttavia il messaggio del Premier ai Mercati internazionali è stato di fiducia: "Le valutazioni sono ai minimi - dice il premeir - e servono capitali per la crescita. Abbiamo illustrato a potenziali investitori che è il momento in cui i titoli a reddito fisso e le valutazione delle imprese in Italia sono bassi: è il momento di comprare 'a buon mercato' perchè  si rivaluteranno e perché se l'Italia si rimette in carreggiata ha potenziale di crescita maggiore rispetto agli altri Paesi". 

 

LEGGI ANCHE:

14N: il Giornale paga gli avvocati ai poliziotti indagati 

'Monti, lei è un criminale. E adesso mi denunci' 

 

Commenti