“Non posso restare in un partito di destra”, Bondi dixit

di 23.11.2012 15:08 CET
“Non posso restare in un partito di destra”, Bondi dixit
Il senatore del Pdl fa marcia indietro e squalifica le primarie in ostaggio degli “ex colonnelli di An” Reuters

Sandro Bondi trasformista: l'ex coordinatore e senatore del Pdl "non può restare in un partito di destra" e bacchetta il partito 'in ostaggio' degli "ex colonnelli di An". "Il Pdl è diventato un partito di destra, il contrario di quello che avrebbe dovuto diventare, cioè un partito liberale e riformista. Angelino Alfano ha rinunciato ad un programma di rinnovamento, ora per me e molti altri si pone il problema di come poter rimanere in un partito che ha spostato il baricentro".

90 onorevoli in più: così il Parlamento riduce i costi della politica

E sulle imminenti primarie del 16 dicembre afferma: "sono ormai un pretesto per resa dei conti interna. Gli ex colonnelli di An hanno di fatto riconquistato il partito. Le primarie saranno una manifestazione di An, una pura esibizione di forza".

Fonte L'Unità

Leggi anche:

Daspo e arresto differito. Per la Cancellieri la piazza non può sostituirsi alla politica

Italia Libera, il partito dei delusi dal Pdl che appoggia Monti

Commenti