Nuova stangata per le famiglie italiane: da maggio bollette "salatissime"

  | 28.04.2012 9:02 CEST
Francia e Italia: un viaggio tra le retribuzioni dei ministri. Chi guadagna di più?
Un"immagine delle sette banconote euro.

In arrivo una nuova stangata per le famiglie italiane, lo hanno comunicato le due principali associazioni dei consumatori Adusbef e Federconsumatori, le quali hanno stimato ben 2.200 euro con cui bisognerà fare i conti nel corso del 2012.

Benzina, bollette energetiche, tariffe alimentari, Imposta sul Valore Aggiunto, servizi bancari, trasporto pubblico e Imposta Municipale Unica, ecco quali sono le cause della stangata di cui sopra.

L'ultima batosta che graverà sulle famiglie del nostro Paese è giunta ieri dall'Aeeg, l' Autorità per l'Energia elettrica e il Gas,  la quale ha comunicato ufficialmente che i prezzi aumenteranno a maggio di ben 4,3 punti percentuali, provocando una ulteriore spesa annua di oltre ventuno euro. In questo caso, si è giustificato il rincaro con la copertura dei costi per gli incentivi alle energie rinnovabili, ma i consumatori sono stufi  di pagare per risanare il Paese dalla piaga della crisi.

Intanto dal ministero dello Sviluppo economico arrivano rassicurazioni sull'abbassamento dei costi dell'energia, in quanto il governo ha messo a punto a metà aprile i nuovi decreti per l'incentivazione delle fonti rinnovabili, che prevedono il risparmio di 3 miliardi di euro all'anno rispetto al precedente regime, con un drastico ridimensionamento soprattutto dei sostegni al fotovoltaico, dunque questo nuovo decreto dovrebbe far sperare in una reale riduzione della spesa.

La voce più consistente resta però quella della tassa sulla casa, che Adusbef e Federconsumatori stimano in media in 405 euro, a cui si aggiungono i rialzi degli alimentari (+392 euro), della luce (+110 euro), del gas (+113 euro) e della benzina +252 euro.

"È un risultato drammatico. Si tratta di aumenti insostenibili - affermano le associazioni - che determineranno pesantissime ricadute sullo stile di vita delle famiglie e sull'intera economia".

 

Altri articoli di IBT MEDIA

Commenti