Nuovo canale sul digitale dedicato alla SERIE B

  | 17.07.2012 14:27 CEST
Calcio, immagini di repertorio
Calcio, immagini di repertorio

GIORNATA IMPORTANTE PER LA SERIE B. Il presidente della Lega di B, Andrea Abodi, affiancato dal presidente della Federcalcio, Giancarlo Abete, nel giorno in cui è stato presentato il nuovo pallone che verrà utilizzato nelle partite di serie B, ed in cui è stata ufficializzata la cessione dei diritti tv a Mediaset e Sky per i prossimi tre campionati, ha annunciato il progetto di far nascere un canale tematico sul digitale terrestre sulla serie cadetta.

L'ANNUNCIO DI ABODI. "Nei prossimi giorni è prevista, in anticipo rispetto alla Serie A, la nascita di questo canale sul digitale terrestre. Completeremo la nostra offerta televisiva  - ha dichiarato infatti Abodi -  attraverso questa piattaforma di nostra gestione. Diventeremo anche editori del nostro prodotto cercando di unire il senso di calcio legato alla tradizione con la necessità del nostro mondo, e forse del nostro Paese, di guardare allo sviluppo con più determinazione". Per quanto riguarda i diritti televisivi, Sky ha acquisito quelli per la trasmissione satellitare di un pacchetto di gare del campionato di Serie B, mentre Mediaset Premium manderà in onda sul digitale terrestre anticipi e posticipi. 

NUOVO PALLONE E NUOVO LOGO. Il nuovo pallone, che si chiama "Power 2.12", è stato realizzato dalla Puma e riprende la tradizione dei colori bianconeri degli anni '70, ma è realizzato con le più moderne tecnologie per enfatizzarne l'aerodinamicità, la stabilità della traiettoria e aumentare la velocità del tiro. Anche il logo della Lega di Serie B è stato rinnovato (l'icona stilizzata rimane la stessa, cambia invece  la cornice, che sarà caratterizzata dal colore verde).

LEGGI ANCHE: MERCATO SERIE B. Padova scatenato svuota i scaffali del Chievo. Bene anche il Verona, preso Bacinovic

FALLIMENTI CLUB. Lega Pro: Addio a Foggia, Spal e Siracusa. Il campionato perde altri tre pezzi e non sembra finita qui 

SKY acquista i diritti della Formula1. Dal 2013 Gp a pagamento 

Commenti