Pescara, Zeman è il nuovo allenatore. Tenterà il miracolo salvezza, o sarà un semplice traghettatore?

Zdenek Zeman
Zdenek Zeman Reuters

La dirigenza del Pescara Calcio ha trovato l'intesa con Zdenek Zeman, sarà il successore di Oddo. Il tecnico boemo questo pomeriggio sarà nella sede della squadra adriatica per firmare un contratto fino al 2018 a circa 500mila euro di stipendio il prossimo anno e 100mila euro per la rimanenza di questa stagione. Per mister Zeman questo è un ritorno ai delfini, dopo la trionfale stagione del 2011/2012 che portò gli abruzzesi in Serie A. Dopo la Roma e il Cagliari in Italia, il boemo aveva allenato il Lugano in Svizzera.

In molti pensano a Pescara che Zeman potrebbe riuscire nel miracolo di risalire dall'ultima posizione attuale a quota 9 punti, fino alla salvezza. Gli addetti ai lavori tuttavia non sono dello stesso avviso. Troppo poco il tempo a disposizione per risalire la china, anche solo il primo periodo d'adattamento al nuovo modulo e al nuovo allenatore potrebbe significare altre sconfitte. Più plausibile che il boemo sia un traghettatore verso la serie cadetta, per poi tentare la risalita nella prossima stagione.

Ad avvalorare questa tesi è la preparazione atletica molto particolare, che contraddistingue le panchine di Zeman, solo iniziando dall'estate si può vedere realmente la mano del mister. Una ventata di euforia ha comunque pervaso la città, molti i tifosi che nel pomeriggio attendono l'arrivo dell'allenatore boemo nella sede del Pescara. Dopo tanto tempo l'allenamento a Pescara torna a porte aperte, oggi pomeriggio per i Delfini si prevede afflusso per l'amichevole con gli allievi, causa Zeman.

Il ricordo della Serie B dominata dai pescaresi con lui alla guida è ancora vivo nella memoria degli ultras. Senza mai dimenticare che Marco Verratti, autore della gara perfetta che ha contribuito al 4-0 del Psg sul Barcellona, fu una sua scoperta. Se davvero alla veneranda età  di 70anni (che compirà il 12 maggio), Zeman riuscisse a salvare miracolosamente il Pescara, entrerebbe di fatto nella storia del calcio italiano. A seguire il video dell'arrivo del boemo, in diretta da Poggio degli Ulivi.