Primarie, verbali online. Renzi ci mette lo scanner

di 27.11.2012 9:42 CET
Matteo Renzi
Matteo Renzi Reuters

Benedetta trasparenza. E' un termine -.la speranza è che diventi anche un comportamento effettivo- che va per la maggiore. E in nome della trasparenza renzi chiama in ausilio la rete e chide di mettere i verbali di domenica prossima online. Dopo il battibecco sulla conta dei voti, renzi la fa breve e dice: "A Nico Stumpo (il quale aveva obiettao che mettere i verbali online era qualcosa di estremamente complesso, ndr) dico che se vuole lo compro io uno scanner per mettere on line i verbali, per nove mila verbali bastano tre ore. Ce la fa anche Stumpo. Io - ribatte Renzi - credo alla trasparenza totale, a Firenze ho messo online tutte le fatture del Comune".

Ma la querelle si estende anche alla famosa giustificazione di chi si dovesse presentare al secondo turno avendo però saltato il primo. "La giustificazione - commenta Renzi - non la deve dare un cittadino che vuole andare a votare. La giustificazione la deve dare chi è stato al governo e non ha riformato la scuola, chi ha speso un sacco di soldi per le grandi opere e poi non ha fatto la piccola manutenzione. La giustificazione non si chiede ai cittadini, la devono dare i politici che da vent'anni stanno nei palazzi".

Questo in risposta alle affermazioni di Stumpo, che al Corriere della Sera ha dichiarato che"saranno ammessi al voto al ballottagio" solo "gli elettori che hanno votato al primo turno" e "coloro che avevano gia effettuato la registrazione entro le 20 di domenica scorsa" anche se poi non hanno votato. Per tutti gli altri, annuncia, giovedì 29 e venerdì 30 "sara aperto un apposito ufficio elettorale dove i ritardatari dovranno spiegare, documentandola, la causa della loro mancata registrazione". Insomma, spiega Stumpo, "se uno arriva e dice 'scusatemi ero a New York', ecco, questo signore deve fornirci almeno i biglietti dell'aereo".  

 

LEGGI ANCHE:

Sondaggi: Pd vola oltre il 30%. Gli italiani vogliono Renzi premier 

 

 

Commenti