[RECENSIONE] Mario Kart 8, la modalità 200 cc ci ricorda l'F-Zero che non avremo mai

Mario Kart 8 Pack 2
Koopa City, una delle piste introdotte con il secondo DLC. Nintendo

La modalità 200 cc di Mario Kart 8 è un gioco completamente diverso da quello base: veloce, di difficile fruizione per chi non conosce le piste e più vicina alla guida tradizionale che a quella "derapante" delle altre modalità. Non che la cosa mi dispiaccia: la velocità aggiunge molto all'esperienza di Mario Kart 8; lo rende un gioco diverso, ma ugualmente divertente. L'aggiornamento non è comunque privo di difetti: l'intelligenza artificiale non è bilanciata e in non poche occasioni si vedranno gli avversari sbattere violentemente contro le barriere in curva, segnale che non tutto è stato fatto alla perfezione.

LEGGI ANCHE

Mario Kart 8, il secondo DLC è pronto: prezzo, trailer e contenuti

L'alta velocità cambia di molto l'approccio alla singola pista: sarà più difficile derapare a ogni singola curva e prendere quel miniturbo tanto agognato perché il rischio è di finire nel prato. Ancora più che nella modalità 150 cc, la modalità 200 cc spinge a conoscere a menadito le piste così da sapere quando derapare, quando spostarsi normalmente e per quanto a lungo derapare. Un approccio, se vogliamo, diverso da quello delle altre modalità, che possono essere giocate anche da un neofita della serie che si approccia al gioco per la prima volta. In questo senso, la modalità 200 cc è più "hardcore" e meno adatta a chiunque non abbia provato e riprovato le piste per diverse volte.

Recensione Mario Kart 8 Il secondo DLC introduce tre personaggi: Abitante e Fuffi da Animal Crossing e Skelobowser.  Nintendo

Insieme all'aggiornamento, giovedì 23 aprile Nintendo ha lanciato il secondo DLC, ispirato da Animal Crossing. Contiene tre personaggi (Abitante, Fuffi e Skelobowser), quattro veicoli e otto piste. Anche il secondo pacchetto introduce piste divertenti da giocare e variegate; ancora, la pista di F-Zero è probabilmente la più divertente: veloce e ben disegnata. Il che ci ricorda che non avremo (probabilmente) mai un nuovo gioco di F-Zero. Considerato che le due piste ispirate dal gioco (Mute City e Big Blue) sono probabilmente nella Top 5 delle migliori piste di tutto Mario Kart 8, Nintendo potrebbe farsi due domande e pensare che gli appassionati, gli stessi che stanno tenendo in vita Wii U, accoglierebbero a braccia aperte un nuovo episodio.

Riguardo i personaggi, avrei voluto qualcosa di più. Rimanendo in tema, un Capitan Falcon al posto di Skelobowser, ad esempio, per dare ulteriore sostanza al pacchetto. Nelle piste, segnalo anche Baby Park, una variazione sul tema con 7 giri di pista molto veloci, e Koopa City, un circuito di Monte Carlo virtuale sotto la pioggia battente che cela diverse insidie alla guida (e ancor di più a 200 cc).

Se Nintendo riuscirà a mantenere questo livello di qualità nei prossimi DLC dei suoi giochi, gli utenti non avranno di che lamentarsi. Oltre alla quantità (6 personaggi, 8 veicoli e 16 piste per 16 euro totali), la qualità è molto alta ed è riuscita a dissipare le preoccupazioni di chi, quando Nintendo annunciò le due espansioni, vide l'aggiunta di questi contenuti come una becera operazione commerciale. Tali piste avrebbero potuto essere inserite nel pacchetto base? Probabilmente sì. La società giapponese si è inserita in un modus operandi però ormai caro all'industria videoludica. Ma se lo fa con questa qualità, lei è libera di farlo.