Sallusti "evade" dai domiciliari. Portato dalla Digos in Questura

  | 01.12.2012 11:25 CET
Tentata estorsione, arrestato Lavitola
Tentata estorsione, arrestato Lavitola

Alessandro Sallusti viene "accontentato". La Digos lo sta portando in Questura perchè "evaso" dai domicliari. Il Direttore del Giornale ha lasciato il domicilio indicato come luogo deputato per trascorrere la detenzione domiciliare e finisce in manette, come da sua "richiesta" in questi giorni.

"Voi non violate la sede de Il Giornale, io mi consegno a San Vittore e poi fate quel che volete". Lo aveva scritto su Twitter poco prima che la Polizia si presentasse nella sede del quotidiano per arrestarlo e portarlo ai domiciliari. Sallusti, raggiunto nella sede di via Negri dalla compagna e parlamentare del Pdl Daniela Santanchè, è stato portato via mentre i colleghi del Giornale lo applaudivano.

Stanotte, sempre su Twitter, aveva scritto: "Notte al giornale. Se vogliono mi arrestano qui. Grazie a tutti". Il direttore del Giornale, condannato definitivamente a 14 mesi di carcere per diffamazione, ieri aveva ripetuto in conferenza stampa di rifiutare gli arresti domiciliari predisposti dal giudice di Sorveglianza di Milano.

"E' una questione di principio - aveva dichiarato - Nessun giornalista può essere sbattuto in carcere o ai domiciliari per un reato che non ha commesso. Se la Severino fosse il ministro degli italiani e non dei magistrati manderebbe qualcuno a controllare la sentenza ".

Commenti