Salvatore Borsellino difende Ingroia: "Ma non tiri in ballo il nome di Paolo"

di 30.01.2013 19:01 CET
Salvatore Borsellino
Salvatore Borsellino http://www.flickr.com/photos/s

Salvatore Borsellino, fondatore delle Agende Rosse, ha voluto dire la sua sulla querelle Boccassini-Ingroia, a cui si è aggiunta anche la voce critica di Maria Falcone.

"Se Antonio Ingroia si fosse limitato, nella sua replica alle inopportune dichiarazioni fatte in un intervista a La7 da Ilda Boccassini, a quanto ha detto ieri a Ballarò la ragione sarebbe stata tutta dalla sua parte....La risposta di Antonio Ingroia a Ballarò era stata estremamente civile e contenuta - scrive su Facebook il fratello del magistrato assassinato assieme a cinque uomini della scorta in via d'Amelio - Forse è stato inopportuno l'intervento di Maria Falcone, che ha mostrato di volere dare man forte a Ilda Boccassini e di non avere letto o non avere capito le dichiarazioni di Antonio Ingroia"

Poi precisa un punto: "Ingroia questa mattina si è prodotto in una serie di dichiarazioni che la lettura di un qualsiasi manuale ci comunicazione, purtroppo indispensabile per chi affronta l'agone politico, gli avrebbe sicuramente sconsigliato....Quando aggiunge: 'La prossima volta pensi e conti fino a tre prima di aprire bocca. Quanto ai suoi personali giudizi su di me , non mi interessano e alle sue piccinerie siamo abituati da anni. Mi basta sapere cosa pensava di me Paolo Borsellino e cosa pensava di lei. Ogni parola in più sarebbe di troppo'...

E' questa seconda parte quella che non accetto, se Antonio Ingroia conosce il metodo di contare fino a tre conti la prossima volta anche lui fino a 30 prima di tirare in ballo Paolo Borsellino in questioni dalle quali deve essere tenuto, come gli ho già raccomandato, assolutamente al di fuori. Io stesso evito sempre di dire cosa avrebbe detto o cosa avrebbe fatto Paolo Borsellino".

Commenti