Uno sherpa sull'Everest

Reuters

Everest: muoiono più sherpa che alpinisti occidentali. La loro vita vale così poco?

Dal 1950 al 2009, la montagna più alta del mondo è diventata sinonimo di morte per 608 sherpa e per 224 alpinisti. Alla base di questa differenza la pericolosità del lavoro svolto dai portatori, veri e propri apri-pista delle spedizioni internazionali.

Seul: un raffigurazione del volto di Kim Jong-un durante una manifestazione contraria al regime nord coreano

Corea del Nord: la nuova generazione ha sempre meno fede nel regime

La devozione assoluta dei coreani verso Pyongyang sembra via via diminuire, come testimoniano i moltissimi lavoratori (non dissidenti) che fuggono dal Paese per cercare fortuna all'estero.

Bambine nepalesi

Spose bambine: come mettere fine al fenomeno

Un terzo delle ragazze del mondo si sposa prima dei 18 anni e una su nove prima di compierne 15. Il matrimonio precoce è un’usanza dalle radici profonde e difficile da estirpare.

Taiyuan, Cina: il sole nascosto dai fumi emessi da un'azienda

Cina: l'inquinamento dell'aria dietro al cambiamento climatico globale

Stando ad uno studio dell'Università del Texas, "l'aerosol atmosferico" proveniente dall'Asia e dalla Cina è una delle cause del progressivo formarsi di tempeste e cicloni sul Pacifico.

Manila, Filippine: un bambino prende parte ad una manifestazione contro l'abuso sessuale dei minori

Filippine: Cebu, l'isola del cybersesso

Nelle Filippine, secondo i dati di Terre des Hommes, sono decine di migliaia i bambini tra i 7 e i 17 anni vittime della prostituzione on-line.

Internazionale

Uno sherpa sull'Everest

Everest: muoiono più sherpa che alpinisti occidentali. La loro vita vale così poco?

Dal 1950 al 2009, la montagna più alta del mondo è diventata sinonimo di morte per 608 sherpa e per 224 alpinisti. Alla base di questa differenza la pericolosità del lavoro svolto dai portatori, veri e propri apri-pista delle spedizioni internazionali.

In evidenza

Mordechai Vanunu, ex tecnico nucleare israeliano

Mordechai Vanunu, eroe o traditore? Ecco l'uomo che rivelò i segreti atomici di Israele

Dopo 18 anni di carcere, di cui 11 in isolamento Mordechai Vanunu continua a subire l'oppressione di Tel Aviv. L'ex tecnico nucleare, colpevole di aver svelato al mondo il programma nucleare israeliano nel 1986, non può lasciare il Paese e non può parlare con cittadini stranieri o giornalisti.

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci