Sesso in cambio di favori: arrestato pm di Roma

di 23.01.2013 15:50 CET
Giustizia sotto la lente
Polemica sulla proposta Pdl REUTERS/Paolo Bona

I carabinieri hanno arrestato il pubblico ministero di Roma Roberto Staffa, eseguendo l'ordinanza della Procura di Perugia. Il magistrato capitolino è accusato di concussione, corruzione e rivelazione di segreto d'ufficio.

Staffa, fino a poco tempo fa applicato alla Direzione Distrettuale Antimafia, avrebbe ricevuto prestazioni sessuali in cambio di 'favori'. Rapporti che si sarebbero consumati anche nel suo ufficio di piazzale Clodio, nella sede della Procura di Roma. Le indagini sono partite 18 mesi fa dopo la segnalazione di un 'trans', arrestato in un blitz anti-prostituzione.

Secondo quanto viene riferito il magistrato sarebbe stato pedinato e filmato anche in compagnia di alcuni transessuali. Staffa è noto per essere stato il presidente della corte d'assise di Venezia che nel 1997 condannò il boss del Brenta Felice Maniero. Per un periodo ha fatto parte del pool che ha indagato sulla scomparsa di Emanuela Orlandi, di cui non si hanno più notizie dal 1983.

Commenti