Sondaggi: M5S 13%, Ingroia supera sbarramento e Pdl non rimonta

  | 25.01.2013 7:24 CET
Elezioni 2013
Foto d'archivio

Nessuna rimonta per il centrodestra. L'espulsione di Cosentino, che secondo la Ghisleri (sondaggista fidatissima del Cav) avrebbe fatto guadagnare al Popolo della Libertà 2 punti percentuali, nonché la presenza imperante di Berlusconi sulle reti Tv, non hanno sortito gli effetti sperati né tanto meno "millantati". Almeno secondo i dati del sondaggio Demos effettuato per conto di La Repubblica.

L'analisi mostra un netto distacco tra Pd e Pdl, in cui il primo -da solo- si attesta al 33,5% e in coalizione con Sel e gli altri tocca il 38,1%. Distanza siderale per il Pdl che fa registrare un 25,8 così ripartito: Pdl 18,1%, Lega 4,5 e altri partiti 3,2.

Grillo conquista un pieno 13% e Rivoluzione  Civile di Ingroia porta a casa il 4,5%. La lista Civica di Monti raggiunge il 16,2%.

 Ai dati va premesso che il sondaggio è stato realizzato prima dell'esplosione della bomba Monte Paschi, dunque è ancora da verificare se lo scandalo abbia infierito o meno sull'appeal delle singole forze politiche.

 

 

Commenti