Splendide immagini del nostro cervello tra scienza e arte mostrano la sua complessità

cervello
Self Reflected (detail), 22K gilded microetching, 96" X 130" 2014-2016, Greg Dunn and Brian Edwards

La complessità della mente umana, della nostra coscienza, del nostro pensiero è enorme. Le immagini che potete vedere in questo articolo lo dimostrano: l'aspetto più interessante è che non si tratta di immagini "reali" del nostro cervello, ma di autentici prodotti artistici sviluppati da due scienziati con una complessa tecnica che include ogni tipo di passaggio, dal disegno a mano fino ad una modellazione al computer per simulare l'attività cerebrale.

Gli autori di queste opere, come detto, sono due scienziati: si tratta del neuroscienziato Greg Dunn e del fisico ed artista Brian Edwards. Insieme hanno creato questo progetto chiamato "Self Reflected" e sono riusciti a realizzare quella che definiscono "un'immagine del cervello senza precedenti".

LEGGI ANCHE: Trapianto di testa: riparato midollo spinale nei ratti ma crescono i dubbi

cervello Self Reflected (detail), 22K gilded microetching, 96" X 130"  2014-2016, Greg Dunn and Brian Edwards

"In laboratorio non ho mai sentito di stare facendo qualcosa non avrebbero potuto fare anche altri, ma sento di avere una voce utile nel combinare scienza ed arte", ha spiegato nelle scorse settimane Dunn in un'intervista a PLOS.org. "Spero che la mia traiettoria di carriera serva da esempio del fatto che la conoscenza scientifica specializzata può essere applicata in molti campi differenti ed aiutare a raffinare la voce individuale di una persona".

cervello Self Reflected (detail), 22K gilded microetching, 96" X 130"  2014-2016, Greg Dunn and Brian Edwards

Per creare le immagini che vedete in questa pagina, Dunn ha raccolto una grande quantità di materiale riguardante il cervello umano, in primo luogo scansioni e raffigurazioni dettagliate dei neuroni e delle loro connessioni. ispirandosi a tutto questo, ha eseguito dei disegni a mano su dei fogli trasparenti che poi, grazie all'aiuto di Edwards, sono stati fatti passare per un modello al computer in grado di riprodurre la comunicazione neuronale.

cervello Self Reflected (detail), 22K gilded microetching, 96" X 130"  2014-2016, Greg Dunn and Brian Edwards

LEGGI ANCHE: 5 modi per essere genitori migliori suggeriti dalla scienza

Gli schemi elaborati dal computer sono stati infine stampati con una tecnica di incisione su delle lamine dorate. Il risultato è quello che potete vedere nelle immagini in questa pagina: quella in testa al pezzo rappresenta la corteccia visiva; gli altri, dall'alto verso il basso, sono invece il talamo coi gangli basali, il cervelletto, il giro parietale ed infine l'area tra cervelletto e tronco encefalico.

cervello Self Reflected (detail), 22K gilded microetching, 96" X 130"  2014-2016, Greg Dunn and Brian Edwards

"Con Self Reflected, il punto è quello di dimostrare in modo diretto come appaia la complessità", spiega Dunn. "Dire a qualcuno che il cervello ha 86 miliardi di neuroni è essenzialmente privo di senso, perché non abbiamo la capacità di afferrare cosa significhi quel numero. Mostrare direttamente a qualcuno come appaia l'attività di 500.000 neuroni in un colpo solo in una grande microincisione delle dimensioni di un muro fornisce ad una persona un trampolino per iniziare a comprendere questo incredibile fatto. Quando poi gli dici che in effetti il cervello è centinaia di milioni di volte più complicato i così, è lì che una luce si accende".

ORA GUARDA: Ecco la batteria flessibile ed allungabile, stampabile sui tessuti [VIDEO]